Che significa? | Termini giuridici

Audizione protetta

23 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 23 ottobre 2015



Audizione protetta (d. p. pen.)

In materia di reati di maltrattamenti contro familiari e conviventi, di riduzione o mantenimento in schiavitù, prostituzione minorile, pornografia minorile, iniziative turistiche volte allo sfruttamento della prostituzione minorile, tratta di persone, acquisto e alienazione di schiavi, violenza sessuale, atti sessuali con minorenni, e violenza sessuale di gruppo, atti persecutori, è prevista la facoltà delle parti di procedere con incidente probatorio [vedi] all’assunzione della testimonianza [vedi] di persona minore o di persona maggiorenne offesa anche al di fuori delle ipotesi previste dall’art. 392 c.p.p.

A tal fine, quando le esigenze del minore lo rendono necessario od opportuno, l’udienza può svolgersi anche in luogo diverso dal Tribunale ed il giudice potrà avvalersi di strutture specializzate di assistenza, ovvero presso l’abitazione della persona interessata all’assunzione della prova.

Anche il dibattimento [vedi] dovrà svolgersi a porte chiuse e l’esame del minore vittima del reato ovvero del maggiorenne infermo di mente vittima del reato, viene effettuata su sua richiesta o del suo difensore mediante l’uso di un vetro specchio unitamente ad un impianto citofonico. Quando la persona offesa non è maggiorenne, per la particolare vulnerabilità della stessa, il giudice assicura l’adozione di modalità protette.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI