Dizionario | Termini giuridici

Bilanciamento dei diritti

14 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Bilanciamento dei diritti (d. cost.): La Costituzione enuncia i diritti e le libertà in forma di principi assoluti, ovvero dettando norme giuridiche [vedi] che presentano i caratteri di genericità e astrattezza. Tuttavia, è possibile che l’applicazione concreta di una norma generi dei conflitti circa i differenti interessi costituzionalmente garantiti da tutelare. Si pensi, ad esempio, al rapporto tra diritto alla privacy e diritto di cronaca, fra il diritto alla vita dell’embrione e il diritto alla salute della madre nella disciplina dell’aborto.

Per risolvere le questioni in cui si registri un contrasto tra diritti o interessi diversi, ossia fra diritti non omogenei (diritto di proprietà e diritto all’abitazione), fra soggetti diversi in concorrenza per lo stesso diritto (i diritti sociali di prestazione, soddisfabili compatibilmente con le risorse pubbliche disponibili), fra interessi individuali e collettivi (diritto alla libera iniziativa economica e tutela dei consumatori, libertà d’espressione e tutela dei beni culturali), la Corte costituzionale ricorre alla tecnica del bilanciamento dei diritti.

Seguendo questo principio, viene indicato quale diritto o interesse deve recedere rispetto all’altro nel caso di specie, senza che ciò significhi, però, un suo annullamento.

La Corte, quindi, cerca la soluzione che, accordando tutela a un interesse, comporti meno limitazioni all’interesse contrastante.

L’utilizzo della tecnica del bilanciamento dei diritti deve rispettare alcune regole generali:

—  la compressione di un diritto o interesse deve essere congrua rispetto al fine che la legge si prefigge, altrimenti la disciplina che la prevede si configura come irragionevole;

—  la compressione di un diritto o interesse deve essere proporzionata, ossia deve rappresentare il minor sacrificio possibile;

—  il nocciolo duro del diritto o interesse sacrificato deve essere, comunque, tutelato e l’operatività minima di tale diritto deve essere garantita.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube