Dizionario | Termini giuridici

Buona fede

14 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Buona fede (d. civ.): È una situazione psicologica rilevante per il diritto in quanto produttiva di conseguenze giuridiche. La buona fede può essere intesa in un duplice senso: soggettivo, quale ignoranza incolpevole di ledere una situazione giuridica altrui; oggettivo, quale generale dovere di correttezza e di reciproca lealtà di condotta nei rapporti tra soggetti.

La buona fede rileva in numerosi istituti della teoria generale del contratto: in relazione alla formazione (art. 1337 c.c.), all’interpretazione (art. 1366 c.c.) e alla esecuzione (art. 1375 c.c.) del contratto e, più in generale, come fonte di effetti contrattuali non previsti dalla volontà delle parti. Essa è richiamata anche nei rapporti tra debitore e creditore in tema di obbligazioni (art. 1175 c.c.). Una importante conseguenza della buona fede si produce in materia di possesso: in base all’art. 1153 c.c., colui al quale sono alienati beni mobili da parte di chi non è proprietario, ne acquista la proprietà mediante il possesso, purché sia in buona fede al momento della consegna e sussista un titolo idoneo al trasferimento della proprietà. Ulteriore importante funzione della buona fede è quella di elemento concorrente a determinare l’usucapione abbreviata [vedi Usucapione].

Infine, la buona fede rileva in tema di restituzione dei frutti della cosa posseduta senza titolo. Infatti, il possessore di buona fede deve restituire solo i frutti percepiti dal momento della domanda, nonché quelli che avrebbe potuto percepire da tale momento se avesse usato la diligenza del buon padre di famiglia; mentre il possessore di mala fede deve restituire tutti i frutti percepiti e percipiendi fin dal momento in cui ha cominciato a possedere.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube