Che significa? | Termini giuridici

Cauzione

14 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 14 ottobre 2015



Cauzione

Cauzione nel diritto civile

La cauzione è una garanzia reale [vedi Garanzia], assimilabile al pegno irregolare [vedi Pegno], consistente nel versamento di titoli o somme di denaro di proprietà del debitore a favore del creditore, il quale può definitivamente incamerarli in caso di inadempimento.

Questo tipo di garanzia, presentando l’inconveniente di immobilizzare (anche solo temporaneamente) dei capitali, viene nella prassi sempre più largamente sostituita dalle garanzie personali [vedi Garanzia], che pure assicurano al creditore la possibilità di richiedere al garante il pagamento. In quest’ottica va vista la rilevanza sempre maggiore assunta dal contratto autonomo di garanzia [vedi].

Il potere di imporre una cauzione è previsto da numerose norme, soprattutto in materia di esecutorietà dei provvedimenti (artt. 478, 642, 648, 665 c.p.c.), di vendita forzata (artt. 571, 580, 587 c.p.c.), di sospensione del processo esecutivo (art. 624 c.p.c.).

Trattasi di ipotesi tassative, poiché non esiste un potere generale del giudice di imporre la cauzione.

Cauzione nel diritto penale

Tale istituto assume rilevanza con riferimento alla misura di sicurezza patrimoniale della cauzione di buona condotta e consiste nel deposito presso la cassa delle ammende di una somma non inferiore a euro 103 né superiore a 2.065 euro oppure nella prestazione di una garanzia mediante ipoteca o fideiussione solidale.

Si applica:

  ai liberati dalla casa di lavoro o dalla colonia agricola se il giudice non ordina la libertà vigilata;

  ai trasgressori degli obblighi della libertà vigilata;

  ai trasgressori del divieto di frequentare osterie e spacci di bevande alcooliche.

A differenza delle misure di sicurezza [vedi] personali, per la cauzione di buona condotta è stabilito anche il maximum: infatti, la sua durata non può superare i 5 anni.

La cauzione di buona condotta è devoluta alla cassa delle ammende, se colui che vi è sottoposto commette un delitto o una contravvenzione punibile con arresto. In caso contrario, decorso il termine fissato dal giudice, viene restituita.

La cauzione viene in rilievo anche come strumento concesso all’imputato o al responsabile civile per evitare il sequestro [vedi] conservativo; tale cauzione deve, tuttavia, essere idonea a garantire i crediti; ove il giudice accolga la richiesta, stabilisce con decreto le modalità mediante le quali la cauzione deve essere prestata (art. 319 c.p.p.).

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI