Che significa? | Termini giuridici

Comportamento concludente

15 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 15 ottobre 2015



Comportamento concludente (d. civ.): È tale ogni comportamento che, pur non manifestando espressamente una volontà, presuppone, o lascia presupporre, l’esistenza di una volontà, della quale, pertanto, produce gli effetti.

Il comportamento concludente deve essere univoco; talvolta è la stessa legge che a determinati comportamenti collega specifici effetti senza necessità o possibilità di provare una volontà diversa.

Il comportamento concludente rileva in tema di tutela dell’affidamento [vedi Affidamento (tutela dell’)]; in presenza di comportamenti attivi od omissivi (es.: in alcuni casi, il silenzio [vedi]) che assumono socialmente un particolare significato, si dà prevalenza non all’interna volontà di chi pone in essere quel comportamento, ma al significato obiettivo che quel comportamento assume.

In tal modo si collega un atto negoziale non alla volontà del suo autore, quanto al significato oggettivo che il suo comportamento assume in quell’ambiente sociale.

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI