Che significa? | Termini giuridici

Compravendita

15 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 15 ottobre 2015



Compravendita [contratto di] (d. civ.) (d. comm.): La compravendita è il contratto avente per oggetto il trasferimento della proprietà [vedi] di una cosa o il trasferimento di un altro diritto verso il corrispettivo di un prezzo [vedi] (artt. 1470 ss. c.c.).

Si tratta di un contratto [vedi] consensuale (per il suo perfezionamento è sufficiente il semplice consenso delle parti); traslativo (attua il passaggio della proprietà della cosa o della titolarità del diritto da un soggetto all’altro); a titolo oneroso (entrambe le parti ricevono un vantaggio economico in cambio della loro prestazione); sinallagmatico (a prestazioni corrispettive); commutativo (i vantaggi e gli svantaggi derivanti dall’atto sono valutabili fin dal momento della stipulazione).

L’accordo tra le parti si perfeziona con lo scambio di proposta [vedi Proposta contrattuale] e accettazione [vedi] (art. 1326 c.c.), ma nella pratica commerciale si rinvengono ipotesi di perfezionamento automatico (es.: acquisto di beni a mezzo di distributori automatici etc.).

In ordine alla formazione del contratto di compravendita assumono rilievo, tra l’altro, il patto di prelazione [vedi Prelazione], il patto di opzione [vedi Opzione], l’offerta al pubblico [vedi], il preliminare [vedi] di vendita.

I principali obblighi del venditore sono:

  consegnare la cosa al compratore;

  fargli acquistare la proprietà della cosa o il diritto, se ciò non è conseguenza immediata del contratto (es.: vendita di cosa altrui);

  garantire il compratore dall’evizione [vedi] e dai vizi della cosa.

I corrispettivi doveri del compratore sono:

  pagare il prezzo nel luogo e per il tempo convenuto;

  saldare le spese del contratto, salvo patto contrario.

La compravendita ha normalmente effetti reali immediati, ma vi sono alcuni casi in cui essa ha inizialmente solo efficacia obbligatoria: non trasferisce cioè immediatamente la proprietà della cosa, ma obbliga il venditore a determinati comportamenti che determinano successivamente il trasferimento automatico della proprietà della cosa.

Rientrano nella vendita obbligatoria i seguenti tipi di compravendita.

Compravendita alternativa

Ricorre quando due o più cose sono dedotte quali oggetto del contratto, ma una sola di esse deve essere trasferita al compratore. Si applicano le norme degli artt. 1285 ss. c.c. [vedi Obbligazione]; l’effetto traslativo si realizza al momento della comunicazione della scelta dall’uno all’altro contraente.

Compravendita a prova

È un contratto di vendita sottoposto alla condizione sospensiva che la cosa abbia le qualità pattuite e sia idonea all’uso cui è destinata. A differenza della vendita con riserva di gradimento, la vendita a prova è conclusa ed è vincolante per entrambe le parti e la prova va eseguita nei termini e con le modalità stabilite dalle stesse.

Compravendita con patto di riscatto

È una vendita con cui si attribuisce al venditore il diritto di riacquistare la proprietà del bene venduto mediante restituzione del prezzo ricevuto e i rimborsi stabiliti dalla legge.

La compravendita con patto di riscatto ha natura di vendita sottoposta a condizione risolutiva potestativa: la vendita, cioè, produce i suoi effetti ma questi si eliminano se il venditore dichiara di voler riscattare la cosa venduta. In virtù di tale dichiarazione, il bene rientra nel patrimonio del venditore senza che occorra un nuovo contratto di vendita. La condizione del riscatto, se si verifica, ha effetti retroattivi, come è regola generale della condizione. Diversa è la compravendita con patto di retrovendita, che ha effetti obbligatori, vincolando il compratore alla stipulazione di un nuovo contratto con il venditore, senza che vi sia alcun vincolo di tipo reale sulla cosa.

Compravendita con riserva di gradimento

È il contratto con cui il venditore concede al compratore una opzione [vedi] su di un bene, sul quale il compratore dovrà esprimere il suo gradimento. In questo contratto rimane vincolato il solo venditore perché il compratore può negare il gradimento. Di conseguenza la vendita acquista efficacia concreta se entro un dato termine il compratore comunica il suo gradimento al venditore. In caso contrario, la vendita non produce effetti.

Compravendita con riserva di proprietà [o con riservato dominio]

È una vendita in cui il trasferimento della proprietà del bene venduto avviene in un secondo tempo, allo scadere di un termine o all’avverarsi di una condizione. Un tipico esempio di compravendita con riserva di proprietà è la vendita a rate in cui il trasferimento della proprietà si realizza solo con il pagamento dell’ultima rata anche se il compratore consegue immediatamente la detenzione del bene. Nella vendita a rate, il compratore assume il rischio del perimento fortuito del bene fin dalla consegna.

Compravendita di cosa altrui

Ha ad oggetto una cosa che al momento della stipulazione del contratto non appartiene al venditore, ma a terzi. Essa ha effetto solo tra gli stipulanti (art. 1478 c.c.), nel senso che fa sorgere a carico del venditore l’obbligo di procurare la cosa e di trasferirla poi al compratore; quest’ultimo diviene proprietario nel momento stesso in cui il suo venditore acquista la proprietà del bene dal titolare di esso.

Compravendita di cosa futura

Per cosa futura si intende ciò che non è ancora venuto ad esistere, e cioè la res sperata e perciò la compravendita di cosa futura è anche indicata come emptio rei speratae; essa è tradizionalmente contrapposta alla cd. vendita di speranza o emptio spei, che va considerata esempio tipico di contratto aleatorio [vedi Contratto].

Compravendita di cose generiche

Ha ad oggetto il trasferimento di cose determinate solo nel genere (es.: grano, stoffa, legno di qualsiasi qualità). L’effetto traslativo si realizza al momento della specificazione [vedi].

Particolarmente importanti sono, inoltre, le seguenti figure di compravendita:

Compravendita immobiliare

Ha per oggetto beni immobili. Essa deve essere conclusa per atto scritto (atto pubblico o scrittura privata con le sottoscrizioni autenticate dal notaio), a pena di nullità.

In relazione alla determinazione del prezzo la compravendita immobiliare si distingue in:

  a misura, quando il prezzo è stabilito per ogni unità di misura;

  a corpo, quando il prezzo dell’immobile viene fissato nel suo insieme.

Compravendita su campione

È un contratto di vendita mobiliare con cui le parti stabiliscono che venga usato un campione come esclusivo parametro della qualità della merce, oggetto del contratto. Il contratto, avvenuto l’accordo, è perfetto e non condizionato, tuttavia se la cosa fornita dal venditore non corrisponde al campione in modo perfetto (manca cioè la corrispondenza), il compratore può rifiutare di eseguire la prestazione e può chiedere la risoluzione del contratto.

Una particolare disciplina è prevista dagli artt. 128 ss. D.Lgs. 206/2005 per la compravendita di beni di consumo [vedi Consumatore (tutela del)].

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI