Che significa? Comunità

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Comunità

Comunità Europea (d. UE): [vedi C.E.].

Comunità Europea del carbone e dell’acciaio (d. UE): [vedi C.E.C.A.].

Comunità internazionale (d. int.)

Complesso di soggetti indipendenti e sovrani tenuti, nei loro rapporti reciproci, all’osservanza di norme di diritto pubblico internazionale derivanti da principi, fonti consuetudinarie o pattizie (es.: gli Stati reciprocamente indipendenti o le organizzazioni internazionali) nei rapporti tra loro intercorrenti.

La nascita dell’attuale comunitàsi fa risalire alla Pace di Westfalia (1648) che riconobbe la piena sovranità [vedi] degli stati essendo ormai decaduti i due organismi sovraordinati agli stati medesimi (Papa e Imperatori) che erano precedentemente considerati i «vertici» della Repubblica delle genti cristiane.

Comunità isolana o dell’arcipelago (d. enti loc.)

L’art. 29 del D.Lgs. 267/2000 stabilisce che in ciascuna isola o arcipelago di isole (ad eccezione della Sicilia e della Sardegna) ove esistono più Comuni [vedi] può essere istituita dai Comuni interessati la comunità.

Tale figura, nel contesto di interventi per lo sviluppo delle isole minori, è finalizzata a valorizzare i territori marini, affinché siano titolari di funzioni proprie e di funzioni delegate. Alla comunità si applica la normativa prevista per le Comunità montane [vedi] ad eccezione delle disposizioni che prevedono finanziamenti o siano strettamente inerenti alle problematiche della montagna.

Comunità montana (d. enti loc.)

In base a quanto disposto dall’art. 27 del D.Lgs. 267/2000, le comunità sono Unioni di Comuni [vedi] montani, ovvero enti locali costituiti da Comuni montani e parzialmente montani, anche appartenenti a Province diverse, per la valorizzazione delle zone montane, per l’esercizio di funzioni proprie e delegate e per l’esercizio associato delle funzioni comunali.

A decretare l’istituzione della comunità è un atto amministrativo del Presidente della Giunta regionale dopo che la Regione abbia individuato, con legge propria, gli ambiti territoriali omogenei idonei a realizzare gli interventi per la valorizzazione della montagna e l’esercizio associato di funzioni comunali.

Fondamentale nella disciplina delle comunità è la legge regionale, che stabilisce:

           le modalità di approvazione dello Statuto;

           le procedure di concertazione;

           la disciplina dei piani zonali e dei programmi annuali;

           i criteri di ripartizione tra le comunità dei finanziamenti regionali e di quelli dell’Unione europea;

           i rapporti con gli altri enti del territorio.

La legge regionale può anche esercitare poteri di esclusione o di inclusione di Comuni all’interno delle comunità.

Le comunità possono successivamente fondersi, dando vita ad un Comune montano.

Comunità terapeutica (d. san.)

Centro di cura e riabilitazione dei soggetti affetti da disturbi psichiatrici e della personalità. Rientra tra le associazioni di volontariato cui fa riferimento il D.L. 144/1985, conv. con modif. in L. 297/1985 che opera sul territorio nazionale nel campo del recupero e reinserimento sociale dei tossicodipendenti e alla quale la legge riconosce appositi contributi. Presso tale struttura può avvenire l’affidamento in prova al servizio sociale [vedi].


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI