Che significa? | Termini giuridici

Controfirma

20 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 20 ottobre 2015



Controfirma [ministeriale] (d. cost.): Condizione di validità di tutti gli atti emanati dal Presidente della Repubblica è la controfirma del Ministro proponente o del Presidente del Consiglio (o di entrambi, in caso di decreti-legge o decreti legislativi).

Questo istituto costituisce un residuo dell’ordinamento monarchico nel quale assolveva alla funzione di escludere la responsabilità del monarca rispetto agli atti di Governo.

Nelle democrazie contemporanee, però, la controfirma contrasta con la responsabilità del Presidente sancita dalla Costituzione.

Conseguentemente la controfirma, in riferimento ai principi costituzionali vigenti, assume un valore tipicamente di controllo di legittimità costituzionale dell’atto.

La controfirma non è richiesta per quegli atti alla cui formazione il Presidente della Repubblica partecipa, ma che non vengono imputati a lui bensì ad organi collegiali da lui presieduti (es.: atti del Consiglio superiore della Magistratura).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI