Che significa? | Termini giuridici

Convivenza


> Dizionario Pubblicato il 20 ottobre 2015



Convivenza

Convivenza come obbligo matrimoniale (d. civ.)

Obbligo derivante dal matrimonio che consiste nel risiedere stabilmente nel luogo di residenza della famiglia [vedi     Matrimonio].

La convivenza può essere intesa anche come situazione di fatto rilevante per il diritto [vedi Convivenza more uxorio], dando luogo alla famiglia di fatto [vedi Famiglia].

Convivenza more uxorio (d. civ.)

S’intende la condizione di due persone, normalmente di sesso diverso, che vivono insieme seguendo modelli comportamentali simili a quelli del rapporto matrimoniale senza alcun vincolo coniugale e senza alcuna legalizzazione del loro rapporto. Se la convivenza è stabile, si crea la cd. famiglia di fatto [vedi].

A tale situazione interpersonale la legge non riconosce alcun effetto giuridico se non in presenza di figli. I figli nati da genitori conviventi devono da essi essere espressamente riconosciuti [vedi Riconoscimento del figlio naturale].

Tra i conviventi vige, dunque, il regime di separazione dei beni e non si instaurano né rapporti di successione (se non con testamento), né pensionistici o previdenziali.

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI