Che significa? | Termini giuridici

Demagogia

14 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 14 ottobre 2015



Demagogia (sc. pol.): Nel mondo greco era considerata tale la forma corrotta della politeia che secondo Aristotele si instaura con l’affermazione di una tirannia del popolo o l’ascesa al potere di gruppi che governano dispoticamente in nome del popolo.

Si trattava, dunque, di una degenerazione della democrazia, benché anche quest’ultimo termine venisse utilizzato dai filosofi greci in senso spregiativo.

Attualmente il termine indica il ricorso, da parte di un politico, a promesse e argomenti ingannevoli, ma suggestivi per conquistare il favore delle masse, e l’adozione di provvedimenti apparentemente volti al raggiungimento di un fine comune che celano, in realtà, la volontà di affermare il proprio dominio personale.

Le parole e le azioni del demagogo, in tale accezione, mirano ad ottenere il consenso dei governati facendo leva sulla loro emozionalità più che sulla razionalità.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI