Che significa? | Termini giuridici

Depenalizzazione

14 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 14 ottobre 2015



Depenalizzazione (d. pen.): Si tratta di un’ipotesi in cui, a seguito di un intervento legislativo, determinati fatti costituenti reato cessano di essere considerati tali, vengono assorbiti nella categoria degli illeciti amministrativi e come tali sono soggetti ad una sanzione amministrativa.

Nel caso in cui il giudice sia chiamato a pronunciarsi su un fatto che all’epoca della commissione era reato ma non lo è più al momento della decisione, ciò per intervenuta Depenalizzazione, deve emettere sentenza di proscioglimento con la formula «il fatto non è più previsto dalla legge come reato».

La L. 689/1981 costituisce l’esempio più significativo di Depenalizzazione. Tale legge ha infatti operato: un notevole ampliamento del campo dell’illecito amministrativo depenalizzando gran parte dei reati di minima entità.

Il legislatore, mosso soprattutto dall’intento di fronteggiare le più gravi disfunzioni del sistema e in particolar modo dal fine di ridurre il sovraccarico penale degli uffici giudiziari e l’affollamento delle carceri, si è adeguato alla più moderna cultura e coscienza sociale che considerano il ricorso alla pena criminale come extrema ratio, cioè come rimedio da adottare esclusivamente per le più gravi violazioni di legge e, comunque, per la tutela di quei valori e di quei beni che non possono essere adeguatamente difesi altrimenti.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI