Che significa? Detenzione

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Detenzione

Detenzione come potere di fatto sulla cosa (d. civ.)

La Detenzione può definirsi come un mero potere di fatto sulla cosa non accompagnato dall’intenzione di compiere un’attività corrispondente all’esercizio di un diritto reale. Il detentore, pertanto, si trova in un rapporto di mera contiguità fisica con la cosa, è consapevole ed esplicitamente riconosce di non poter vantare alcun diritto reale [vedi Diritti soggettivi] su di essa, essendone altri i titolari. Come appare dalla definizione, l’elemento che differenzia la Detenzione dal possesso [vedi] è l’animus: animus possidendi, in caso di possesso, animus detinendi, in caso di Detenzione.

In base all’art. 1141 c.c., la Detenzione si muta in possesso in due soli casi: quando il detentore acquista in proprietà il bene che precedentemente aveva in mera Detenzione, ovvero, quando il detentore renda noto al proprietario la propria intenzione di continuare a tenere il bene non più come detentore, bensì per conto ed in nome proprio [vedi Interversione del possesso].

Detenzione domiciliare (d. penit.)

Si tratta di una forma di espiazione della pena definitiva presso la propria abitazione o in luogo di cura o assistenza o accoglienza, concessa in favore delle persone che abbiano compiuto i settanta anni di età, purché il detenuto non sia stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza, né sia stato dichiarato mai condannato con l’aggravante della recidiva ed ad esclusione dei reati di particolare allarme sociale nonché quelli di violenza sessuale contro i minori. Altresì, la pena della reclusione [vedi] non superiore a quattro anni e la pena dell’arresto [vedi] possono essere scontate anche nella propria abitazione, in altro luogo di privata dimora ovvero in luogo di cura, assistenza, o accoglienza in case famiglie protette, quando trattasi:

—  di donna incinta o madre di prole di età inferiore ad anni dieci, con lei convivente;

—  di padri esercenti la potestà di prole di età inferiore ad anni dieci con lui convivente, quando la madre sia deceduta o altrimenti impossibilitata a dare assistenza alla prole;

—  di persone in condizioni di salute particolarmente gravi che richiedono costanti contatti con i presidi sanitari territoriali;

—  di persone di età superiore ai 60 anni, se inabili anche parzialmente;

—  di persone di età inferiore ai 21 anni per comprovate esigenze di salute, di studio, di lavoro e di famiglia.

La   può essere, altresì, applicata per l’espiazione della pena detentiva inflitta in misura non superiore a due anni, anche se costituente parte residua di maggior pena, indipendentemente dalle condizioni suddette quando non ricorrono i presupposti per l’affidamento in prova al servizio sociale e sempre che tale misura sia idonea ad evitare il pericolo che il condannato commetta altri reati.

Tale possibilità non si applica ai condannati per i reati di cui all’art. 4bis. L’art. 47quinquies della L. 26 luglio 1975, n. 354, inserito dall’art. 3 della L. 8 marzo 2001, n. 40, ha introdotto l’istituto della Detenzione speciale.

Nel dettaglio, in mancanza delle condizioni generali per l’applicabilità della Detenzione domiciliare, le condannate madri di prole di età non superiore ad anni dieci, se non sussiste un concreto pericolo di commissione di ulteriori delitti e se vi è la possibilità di ripristinare la convivenza con i figli, possono essere ammesse ad espiare la pena nella propria abitazione, o in altro luogo di privata dimora, ovvero in luogo di cura, assistenza o accoglienza, al fine di provvedere alla cura e alla assistenza dei figli, dopo l’espiazione di almeno un terzo della pena ovvero dopo l’espiazione di almeno quindici anni nel caso di condanna all’ergastolo.

Detenzione ingiusta/illegittima [riparazione della] (d. p. pen.)

La Detenzione ingiusta od illegittima si configura allorché una persona abbia patito un periodo di custodia cautelare ingiusta o illegittima. In tal caso si matura il diritto ad un’equa riparazione, alle condizioni e nei limiti previsti dal codice.

In particolare, si ha custodia cautelare ingiusta (art. 314 co. 1) quando essa è stata sofferta da un imputato successivamente riconosciuto innocente all’esito del processo.

Si ha, invece, custodia cautelare illegittima (art. 314 co. 2) allorché essa sia stata patita da un imputato (anche se riconosciuto colpevole) in virtù di un’ordinanza cautelare illegittima adottata in difetto dei presupposti di legge dei gravi indizi e dei limiti di pena per l’adottabilità del provvedimento.

Con sentenza n. 109 del 2-4-1999, la Corte costituzionale ha riconosciuto il diritto ad ottenere la riparazione anche in caso di arresto in flagranza o fermo ingiusti od illegittimi.

Successivamente con sentenza 219 del 20-6-2008, la Corte ha sancito che la riparazione per ingiusta Detenzione deve essere estesa alle ipotesi di Detenzione cautelare sofferta in misura superiore alla pena irrogata o comunque a causa della mancata assoluzione nel merito.

Nelle ipotesi predette è garantito il diritto ad una equa riparazione pecuniaria, nel limite massimo di euro 516.456,89. La riparazione va in concreto commisurata alla durata della carcerazione ingiustamente sofferta ed alle conseguenze personali e familiari derivatene.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI