Che significa? | Termini giuridici

Domicilio

20 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 20 ottobre 2015



Domicilio (d. civ.): È una delle relazioni territoriali della persona (insieme a dimora [vedi] e residenza [vedi]) rilevante per il diritto.

Per Domicilio si intende il luogo ove il soggetto stabilisce la sede principale dei propri affari ed interessi (cd. Domicilio generale). Esso costituisce una situazione di diritto che consegue alla localizzazione degli affari o interessi, non essendo necessario che di fatto il soggetto dimori nel luogo di Domicilio.

Il Domicilio, in particolare, ha rilievo per l’apertura della successione [vedi Successione] e per la dichiarazione di fallimento [vedi] dell’imprenditore [vedi] commerciale.

Ogni soggetto può avere un solo Domicilio generale:

—  Domicilio volontario: è quello scelto liberamente dal soggetto, cioè il risultato della sua determinazione e volontà;

—  Domicilio necessario e legale: è invece espressamente stabilito dalla legge. Così, ad esempio, il Domicilio del minore [vedi Minore età] è nel luogo di residenza della famiglia o del genitore con il quale convive; l’interdetto [vedi Interdizione] ha il Domicilio del tutore.

Il Domicilio speciale (o “eletto”) si riferisce, invece, a determinati atti o affari di una persona e vige per la sola durata del compimento dell’atto o dell’affare: l’elezione di Domicilio va fatta espressamente e con atto scritto.

Elezione o dichiarazione di Domicilio (d. p. civ.) (d. p. pen.)

L’elezione di Domicilio è la discrezionale indicazione di un luogo dove il soggetto desidera ricevere le notifiche.

Nel processo civile, nel primo atto difensivo, la parte, dopo aver indicato e nominato il proprio difensore e procuratore, elegge Domicilio presso lo studio di quest’ultimo in modo che, da tale momento in poi, tutte le comunicazioni [vedi Comunicazione di atti] e le notificazioni [vedi] avverranno presso di lui.

La mancanza dell’indicazione del Domicilio non comporta alcuna irregolarità dell’atto, ma gli avvisi avverranno presso la cancelleria [vedi] del giudice adito: sarà quindi cura dell’avvocato informarsi presso la stessa.

Nel processo penale, in occasione del primo atto cui partecipi l’indagato (ovvero in caso di scarcerazione di soggetto detenuto), il giudice, il P.M., la polizia giudiziaria o il direttore dell’istituto di pena invitano la persona a dichiarare o eleggere un Domicilio per le notificazioni, avvertendola anche dell’obbligo di comunicare ogni mutamento di esso (in mancanza, la notifica avverrà presso il domicilio del suo difensore).

Domicilio fiscale (d. trib.)

Strumento predisposto dal legislatore per favorire l’attività di accertamento delle imposte. Il Domicilio viene ad essere identificato con il Comune nella cui anagrafe i cittadini sono iscritti. La nozione tributaria di Domicilio risulta, per le persone fisiche, più ampia di quella data dall’art. 43 c.c., avvicinandosi piuttosto al concetto di residenza. La P.A. può, tuttavia, stabilire il Domicilio di un soggetto nel luogo in cui questi svolge l’attività prevalente o ha la sede amministrativa.

A loro volta i contribuenti possono richiedere il cambio del Domicilio, se ricorrono particolari circostanze.

Per i cittadini residenti all’estero il Domicilio coincide con il Comune nel quale il reddito si è prodotto o, se il reddito è prodotto in più Comuni, nel Comune in cui si è prodotto il reddito più elevato.

Per gli stranieri il Domicilio è dato dal Comune in cui risiedono o dimorano da almeno un anno.

I cittadini italiani residenti all’estero in forza di un rapporto di servizio con la pubblica amministrazione [vedi], nonché i cittadini italiani cancellati dall’anagrafe ed emigrati in Stati aventi un regime fiscale privilegiato hanno invece, il Domicilio nel Comune di ultima residenza nello Stato.

Per gli enti collettivi il Domicilio è fissato nel luogo in cui è ubicata la sede legale.

Al fine di facilitare le comunicazioni con la Pubblica Amministrazione, ogni cittadino può indicare un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC [vedi]), quale suo domicilio digitale.

Libertà di Domicilio (d. cost.)

Espressione tipica della libertà personale [vedi] in quanto si concreta nella proiezione spaziale della persona. Tutelando il Domicilio l’ordinamento garantisce la persona stessa, e più esattamente il rapporto persona-ambiente.

La libertà di Domicilio è indistintamente riconosciuta a tutti, vale a dire non solo ai cittadini, ma anche agli stranieri e agli apolidi ed implica:

—  la libertà di scegliere il luogo dove stabilire il proprio Domicilio;

—  la libertà di svolgere all’interno del proprio Domicilio qualsiasi attività lecita si ritenga opportuno;

—  il diritto di impedire a chiunque, se non autorizzato dalla legge, di violare il proprio Domicilio.

Il concetto di Domicilio va inteso in un’accezione molto più ampia di quella civilistica (che lo circoscrive alla sola nozione di «sede principale degli affari ed interessi» dell’individuo) e ricomprende non solo l’abitazione, ma anche il luogo dove il soggetto svolge la propria attività lavorativa, la sua dimora occasionale e una camera d’albergo, una roulotte e, persino, la propria automobile: in pratica ogni sito dal quale il titolare ha intenzione di escludere la presenza dei terzi, per difendere l’intimità della propria vita affettiva o i propri interessi spirituali, culturali o sociali.

Essendo sancita l’inviolabilità del Domicilio dall’art. 14 Cost. non possono essere eseguite perquisizioni, ispezioni, sequestri se non nei modi stabiliti dalla legge secondo le garanzie prescritte. Tale inviolabilità è però esclusa in caso di accertamenti per motivi di sanità ed incolumità pubblica o a fini economici e fiscali.

Le prove che la polizia si procura illegalmente o non conformemente all’art. 14 Cost. non possono essere utilizzate nel processo.

Violazione di Domicilio (d. pen.)

[vedi Violazione di domicilio].


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI