Che significa? | Termini giuridici

Eccessiva onerosità

20 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 20 ottobre 2015



Eccessiva onerosità (d. civ.): Alterazione del rapporto di valore tra prestazione contrattuale e controprestazione, imputabile ad eventi straordinari ed imprevedibili. Legittima la parte interessata dall’aggravamento della prestazione, a domandare, nei contratti ad esecuzione continuata o periodica o ad esecuzione differita [vedi Contratto], la risoluzione [vedi] purché:

—  la sopravvenuta onerosità non rientri nella normale alea contrattuale (art. 1467, co. 2 c.c.);

—  la controparte non offra di modificare equamente le condizioni del contratto (art. 1467, co. 3 c.c.).

Si ritiene che anche una svalutazione monetaria assolutamente imprevedibile possa determinare la risoluzione per Eccessiva onerosità.

La risoluzione per Eccessiva onerosità non si applica ai contratti aleatori, nei quali l’assunzione del rischio è elemento naturale del contratto.

Nei contratti cd. unilaterali l’Eccessiva onerosità comporta solo la rivedibilità della prestazione, in modo che sia ricondotta ad equità (art. 1468 c.c.).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI