Che significa? | Termini giuridici

Efficacia

20 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 20 ottobre 2015



Efficacia: È l’idoneità di un fatto, atto, negozio a produrre effetti giuridici di natura costitutiva, modificativa o estintiva di una situazione o posizione giuridica.

Efficacia del negozio giuridico (d. civ.)

In base all’art. 1321 c.c. gli effetti giuridici del negozio possono essere:

—  costitutivi: se sono diretti alla formazione di un rapporto giuridico:

—  modificativi: se intervengono su un rapporto giuridico in atto per modificarne la disciplina;

—  estintivi: se determinano l’estinzione di un rapporto giuridico.

In relazione al loro oggetto si distinguono:

—  effetti reali: se costituiscono o trasferiscono la proprietà o altro diritto reale o di credito;

—  effetti obbligatori: se, invece, costituiscono un rapporto obbligatorio.

Spesso ad un singolo atto giuridico conseguono tanto effetti reali quanto effetti obbligatori (es.: dal negozio di compravendita derivano il trasferimento del diritto reale e l’obbligo di pagare il prezzo).

In relazione ai soggetti su cui incidono possono ancora distinguersi in:

—  erga omnes: se possono essere fatti valere contro tutti;

—  personali: se, invece, sono valevoli solo nei confronti di destinatariparticolari.

Rispetto ai risultati, gli effetti possono essere: definitivi (è la regola): provvisori o temporanei (artt. 610, 615, 618 c.c.).

Efficacia della legge nello spazio (d. int. pr.)

L’Efficacia nello spazio attiene direttamente al diritto internazionale privato. La L. 218/1995 regola l’applicabilità nello spazio, all’interno dell’ordinamento giuridico italiano, della legge nazionale (italiana o straniera) nel caso di situazioni o rapporti giuridici che non coinvolgano solo cittadini italiani, o che non si sono svolti e definiti esclusivamente nel territorio italiano.

Efficacia della legge nel tempo (d. cost.)

Perché la legge nazionale o regionale possa entrare in vigore e spiegare in pieno la sua Efficacia erga omnes si richiedono:

—  la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale [vedi] o nel Bollettino Ufficiale delle leggi regionali;

—  il decorso di un certo periodo di tempo, detto «vacatio legis» (di regola 15 giorni dalla pubblicazione), per consentire ai destinatari di venire a conoscenza della legge. Trascorso tale periodo, la legge diviene obbligatoria per tutti e vale il principio per cui ignorantia legis non excusat [vedi].

Efficacia dell’atto amministrativo (d. amm.)

L’Efficacia consiste nell’attitudine dell’atto a produrre effetti. L’atto amministrativo diviene produttivo di effetti, a seguito del positivo completamento della fase di integrazione dell’efficacia (controllo + comunicazione all’interessato).

Gli effetti dell’atto possono essere (Virga):

a) costitutivi: se creano una situazione giuridica ex novo, o modificano una situazione preesistente o la estinguono;

b) dichiarativi: se accertano o chiariscono una situazione già esistente;

c) ampliativi: se favorevoli per il destinatario;

d) restrittivi: se sfavorevoli per il destinatario. Ai sensi dell’art. 21bis della L. 241/1990, il provvedimento limitativo della sfera giuridica dei privati acquista efficacia nei confronti di ciascun destinatario con la comunicazione allo stesso effettuata anche nelle forme stabilite per la notifica agli irreperibili nei casi previsti dal codice di procedura civile e che qualora per il numero dei destinatari la comunicazione non sia possibile o risulti particolarmente gravosa, l’amministrazione possa provvedere mediante forme di pubblicità idonee, di volta in volta stabilite dall’amministrazione medesima.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI