Che significa? | Termini giuridici

Eredità

20 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 20 ottobre 2015



Eredità (d. civ.): Per Eredità si intende l’insieme dei rapporti giuridici attivi e passivi facenti capo al de cuius [vedi].

Il patrimonio ereditario costituisce una universitas iuris, in quanto è considerato come una unità astratta ed ideale di tutti i rapporti giuridici, di cui era titolare il de cuius.

Eredità giacente

Con la morte del de cuius, il chiamato all’eredità [vedi] non acquista ipso iure la qualità di erede [vedi], stante la necessità di una manifestazione di volontà diretta in tal senso, denominata accettazione [vedi]. Fintantoché il chiamato non abbia accettato ovvero nei casi in cui incerta sia la sua identità, viene a determinarsi una situazione di grave incertezza. Onde evitare che il patrimonio del defunto rimanga abbandonato a se stesso e privo di tutela giuridica, è prevista la nomina da parte dell’autorità giudiziaria di un curatore con il compito di gestire il patrimonio ereditario fino al momento dell’accettazione o, in mancanza, della devoluzione allo Stato (artt. 528 ss. c.c.).

Vendita dell’Eredità

Particolare forma di alienazione di universalità [vedi] disciplinata dagli artt. 1542 ss. c.c. Essa richiede la forma scritta [vedi Forma] a pena di nullità [vedi]. L’Eredità, intesa come complesso di diritti, è alienabile solo dopo l’apertura della successione [vedi]. Oggetto della Eredità sono tutti i rapporti ai quali la successione si riferisce, e cioè la totalità dei diritti e degli obblighi ereditati di carattere patrimoniale.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI