Dizionario | Termini giuridici

Errores in iudicando e in procedendo

20 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Errores in iudicando e in procedendo [vizi di giudizio e di procedura] (d. p. civ.): Errori di diritto contenuti in una sentenza (art. 360 c.p.c.) la cui correzione è affidata alla Corte di Cassazione [vedi].

Tali errori possono essere di due tipi:

—  errores in iudicando (vizi di giudizio): sono gli errori in cui è incorso il giudice nel giudizio di diritto, cioè nella individuazione e nella applicazione delle norme che regolano il rapporto giuridico [vedi] dedotto in giudizio;

—  errores in procedendo (vizi di attività): sono gli errori di carattere procedurale, attinenti al rapporto processuale che si è concluso con la emanazione della sentenza, e cioè gli errori nella osservanza delle norme giuridiche che regolano lo svolgimento del processo.

Nella prima ipotesi viene denunciata l’ingiustizia effettiva della sentenza; nella seconda, l’ingiustizia possibile, attraverso la denuncia di un sintomo di quella ingiustizia, ossia la violazione di una regola del procedimento.

Tra gli errores in iudicando possono essere ricompresi: l’inesatta individuazione della norma (o del contratto o accordo collettivo nazionale di lavoro) applicabile alla fattispecie; il fraintendimento nell’interpretazione; l’erronea qualificazione giuridica della situazione di fatto; l’applicazione erronea della norma ad una fattispecie da essa non regolata. Attengono, invece, agli errores in procedendo: il vizio di violazione della giurisdizione, l’inosservanza delle regole di competenza, i vizi di nullità della sentenza, del procedimento o della motivazione.

Diversi sono i poteri di cognizione della Corte di cassazione nelle due ipotesi, poiché, mentre per gli errori di giudizio la Corte non può giudicare il fatto, per gli errori di procedimento è giudice anche del fatto, dovendo verificare se l’attività svolta corrisponda a quella prevista dalla norma processuale e, quindi, in che modo essa sia stata compiuta.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube