Che significa? | Termini giuridici

Esimenti


> Dizionario Pubblicato il 22 ottobre 2015



Esimenti

Esimenti nel diritto civile

Il codice civile prevede espressamente talune Esimenti in presenza delle quali all’autore del fatto dannoso non si applicano le sanzioni tipiche della responsabilità civile.

Le esimenti sono di due tipi:

—  esimenti oggettive, che autorizzano il compimento del fatto rimuovendo il divieto di legge. Si tratta delle esimenti della legittima difesa (art. 2044 c.c.), dell’esercizio del diritto, dell’adempimento di un dovere e del consenso dell’avente diritto;

—  esimenti soggettive, che giustificano il compimento del fatto senza autorizzarlo. Si tratta delle esimenti del caso fortuito e della forza maggiore, dello stato di necessità (art. 2045 c.c.) e dell’incapacità (art. 2046 c.c.).

Mentre le seconde consentono alla vittima di usufruire di una qualche tutela, sia pure limitata (inibitoria e indennizzo), le prime lasciano il danneggiato senza tutela.

Esimenti nel diritto penale

Sono anche dette discriminanti e rappresentano una categoria generale nella quale vanno ricomprese tutte le ipotesi di non punibiltà richiamate dall’art. 59 c.p. Nell’ambito delle Esimenti rientrano, come sottospecie, le cause di giustificazione [vedi], i casi di non punibilità come quelli previsti dall’art. 384 c.p., nonché altre ipotesi di non punibiltà determinate da ragioni di opportunità politico–criminale (es. art. 649 c.p.: non punibilità del furto tra stretti congiunti).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI