Che significa? | Termini giuridici

Esternazione

22 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 22 ottobre 2015



Esternazione [potere di] (d. cost.): è potere del Presidente della Repubblica [vedi] di rendere noto il proprio pensiero politico.

Può trovare attuazione sia mediante messaggi formali, inviati alle Camere [vedi Parlamento] ai sensi dell’art. 87 Cost., sia attraverso messaggi non formali, ossia esternazioni in forma libera rivolte non alle Camere, ma a qualunque altro destinatario e genericamente alla pubblica opinione o al popolo. Questo potere è nato e si è sviluppato in via di prassi, in assenza di limiti giuridici codificati. La sua delimitazione, pertanto, rimane affidata a regole puramente convenzionali e di correttezza. La dottrina in particolare ritiene che il Presidente, nell’esternare il proprio pensiero, non debba mai assumere posizioni di parte, farsi cioè promotore di un proprio indirizzo politico in contrasto con quello elaborato dal Governo [vedi] e dal Parlamento. Il limite al potere di Esternazione è imposto dalla posizione presidenziale di organo imparziale e super partes e rimane affidato in larga parte al senso di misura e di responsabilità proprio di ciascun Presidente.

Limiti al potere di Esternazione possono essere comunque desunti dalla Costituzione, che indica come interlocutori del Presidente solo il Parlamento ed il Governo e assegna in via esclusiva alle Camere il ruolo di rappresentanti della volontà popolare e al Governo quello di gestore dell’indirizzo politico.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI