Che significa? | Termini giuridici

Extracomunitari

22 Ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 22 Ottobre 2015



Extracomunitari (d. cost.): Sono così definiti i cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea [vedi]: ad essi, quando sono relazionati con il nostro territorio, è applicato un trattamento giuridico differente da quello in vigore per i cittadini di Stati appartenenti all’Unione europea.

Il fondamento giuridico di tale trattamento differenziato va ricercato nell’art. 10 della Costituzione, laddove si prevede che «la condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali».

Tale trattamento differenziato non può in nessun caso incidere sui diritti inviolabili dell’uomo, come è stato ribadito dalla Corte costituzionale con sentenza n. 46 del 1977. Vanno dunque inquadrati entro questi limiti gli interventi del legislatore volti a disciplinare l’ingresso ed il soggiorno nel territorio nazionale dei cittadini Extracomunitari.

Una prima disciplina organica del trattamento dei cittadini Extracomunitari fu adottata con la cd. legge Martelli (L. 39/1990), quasi interamente abrogata dalla cd. legge Napolitano-Turco (L. 40/1998).

Quest’ultimo provvedimento, confluito nel Testo Unico sull’immigrazione (D.Lgs. 286/1998 e successive modificazioni), individua i motivi per cui è possibile entrare in Italia (turismo, studio, lavoro autonomo e subordinato, cure mediche, ricongiungimento familiare etc.), i documenti e le condizioni che devono essere soddisfatte per poter ottenere il rilascio della carta di soggiorno [vedi] o del permesso di soggiorno [vedi], le modalità per l’espulsione [vedi] degli stranieri illegalmente entrati nonché i diritti di cui godono i cittadini Extracomunitari legalmente residenti (in particolare la tutela sanitaria).

Il legislatore ha inoltre previsto (art. 3 D.Lgs. 286/1998) la redazione, ogni tre anni, di un documento programmatico relativo alla politica sull’immigrazione. Sulla base dei criteri generali individuati in tale documento, sono annualmente definite le quote massime di stranieri da ammettere nel territorio dello Stato per il lavoro subordinato, anche per esigenze di carattere stagionale, e per il lavoro autonomo.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI