Che significa? | Termini giuridici

Fatti notori

23 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 23 ottobre 2015



Fatti notori (d. p. civ.): Fatti che, rientrando nella comune esperienza, e che le parti quindi non hanno l’onere di provare in quanto veri per la loro diffusione ed oggettività, possono essere posti dal giudice a fondamento della propria decisione (art. 115 c.p.c.), in deroga al principio dispositivo [vedi Principi fondamentali dell’ordinamento processuale civile].

Secondo questo principio il giudice deve giudicare solo in base alle prove proposte dalle parti o dal pubblico ministero [vedi] iuxta alligata et probata [vedi]. Il fatto, per poter essere posto a fondamento della decisione, deve avere notorietà generale, pertanto è preclusa al giudice la possibilità di far ricorso alle sue conoscenze personali (cd. divieto di scienza privata).

Sono incluse nell’ambito dei Fatti notori, tuttavia, anche le ipotesi di notorietà ristrette ovvero circostanze comunemente note nel luogo, ove abitano le parti ed il giudice, mentre sono escluse le nozioni tecniche, specifiche, salvo che siano mediamente conosciute.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI