Che significa? | Termini giuridici

Fede

23 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 23 ottobre 2015



Fede

Fede di credito (d. banc.)

La Fede, o polizzino, è un titolo di credito [vedi] all’ordine, contenente la promessa della Banca emittente di pagare una somma determinata, presso una qualunque filiale di esso.

Caratteristica fondamentale della Fede è che essa può contenere l’indicazione della causale del pagamento e le condizioni alle quali questo resti eventualmente subordinato: l’apposizione della condizione sospende l’obbligo del pagamento, da parte della Banca, fino a che il presentatore non dimostri l’adempimento. Essa può essere emessa unicamente dal Banco di Napoli e dal Banco di Sicilia.

Il titolo circola per girata [vedi]; nell’ipotesi di indicazione della causale o di apposizione di condizioni, la girata stessa deve essere scritta interamente a mano e la firma del girante deve essere autenticata da un notaio.

Fede di deposito (d. comm.)

È un documento rappresentativo di merci [vedi] causale, trasmissibile mediante girata, rilasciato dai magazzini generali [vedi] unitamente ad una nota di pegno [vedi] su richiesta di chi deposita merce presso i magazzini stessi (artt. 1790 ss. c.c.).

La Fede contiene indicazioni relative alla merce e conferisce al portatore il diritto alla sua riconsegna nonché a disporne mediante trasferimento del titolo.

Fede pubblica [reati contro la] (d. pen.)

La Fede consiste nella fiducia che la società ripone negli oggetti, segni e forme esteriori (monete, emblemi, documenti) ai quali l’ordinamento attribuisce un valore giuridicamente rilevante. La Fede pubblica costituisce l’oggetto giuridico ossia il bene-interesse tutelato dei reati contenuti nel titolo VII del libro II del c.p. intitolato appunto «dei delitti contro la fede pubblica» tra cui rientrano ad es. la falsificazione di monete (art. 453 c.p.), la falsità in atti (artt. 476-493 c.p.) le false dichiarazioni sull’identità propria o di altri (art. 496 c.p.).

Nei delitti contro la Fede pubblica assume rilievo il concetto di falso. Si considera falso tutto ciò che è contrario al vero, ma che si presenta in modo da sembrare vero.

Perché venga lesa o sorga pericolo per la Fede pubblica, occorre che la falsità sia idonea ad ingannare le persone, facendo loro credere alla genuinità dell’oggetto, del segno, della dichiarazione, del documento, etc. non genuino.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI