Che significa? | Termini giuridici

Fermo

23 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 23 ottobre 2015



Fermo (d. p. pen.): Il Codice di procedura penale prevede strumenti limitativi della libertà personale tra cui vi rientrano il Fermo e l’arresto [vedi].

Diversi ne sono però, rispetto all’arresto, i presupposti, le finalità e la titolarità del potere.

In ordine ai presupposti, il fermo richiede anzitutto la sussistenza di gravi indizi di reità. Deve ricorrere inoltre, il pericolo di fuga, desunto da elementi specifici (tra cui l’impossibilità di identificare l’indiziato). Non è invece richiesta la flagranza. Infine, deve consentirlo il titolo del delitto (o per l’entità della pena, ovvero per espressa previsione).

Le finalità sono evidenti: evitare che l’indagato possa darsi alla fuga, soprattutto quando, mancando il requisito della flagranza, non può procedersi all’arresto.

Quanto alla titolarità del potere, esso spetta, diversamente che per l’Fermo, in via principale al P.M. e solo in via sussidiaria alla P.G., prima dell’assunzione della direzione delle indagini da parte del P.M., ovvero in caso di sopravvenute emergenze, come previsto dall’art. 3843 c.p.p.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI