Che significa? | Termini giuridici

Giunta

26 Ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 26 Ottobre 2015



Giunta

Giunta comunale (d. enti loc.)

Organo esecutivo del Comune [vedi] con competenza autonoma, seppur residuale, su tutte le materie non espressamente attribuite dalla legge o dallo statuto ad altri organi. Essa assume altresì il carattere di organo fiduciario del Sindaco, rispetto ai cui programmi politico-amministrativi svolge attività di intensa collaborazione.

A norma dell’art. 47 del D.Lgs. 267/2000, la Giunta è composta dal Sindaco [vedi], che la presiede, e da un numero di assessori stabilito dallo statuto entro i limiti di legge.

I componenti della Giunta, cd. assessori, vengono nominati dal Sindaco nel rispetto del principio di pari opportunità tra uomini e donne, garantendo la presenza di entrambi i sessi.

Contestualmente e tra gli stessi assessori, il Sindaco nomina un Vicesindaco.

Nei Comuni con popolazione superiore a 15.000 abitanti gli assessori possono essere scelti dal Sindaco anche al di fuori dei componenti il Consiglio, fra i cittadini in possesso dei requisiti di candidabilità, eleggibilità e compatibilità alla carica di consigliere (assessori esterni), mentre nei Comuni con popolazione inferiore a 15.000 abitanti tale facoltà è consentita solo previa disposizione dello statuto.

Giunta provinciale (d. enti loc.)

In base al T.U. degli enti locali (D.Lgs. 267/2000) è l’organo esecutivo che, nell’ambito provinciale, svolge le medesime funzioni svolte all’interno del Comune dall’omologo organo comunale. Le norme del TUEL che disciplinano le competenze della Giunta sono pertanto le medesime che concernono la Giunta comunale [vedi].

Tale organo, tuttavia, in virtù della L. 7 aprile 2014, n. 56 (cd. legge Delrio) che ha provveduto alla riorganizzazione delle Province [vedi] è sostituito dall’Assemblea dei Sindaci [vedi].

Giunta regionale (d. amm.)

È l’organo esecutivo della Regione.

La Giunta regionale ha una competenza amministrativa generale: ha il potere di emanare circolari e di disciplinare il suo stesso funzionamento attraverso un apposito regolamento interno. Inoltre partecipa alla funzione di indirizzo politico attraverso l’attuazione del programma politico fissato dal Consiglio, ha potere di iniziativa legislativa, predispone il bilancio consuntivo e il conto consuntivo, predispone i programmi di sviluppo regionale.

Alla luce della L. Cost. 1/1999 la Giunta, se lo Statuto lo prevede, può esercitare anche la potestà regolamentare.

Il sistema di elezione e i casi di ineleggibilità e di incompatibilità del Presidente e degli altri componenti della Giunta sono disciplinati con legge regionale, nei limiti dei princìpi fondamentali stabiliti con legge della Repubblica, che stabilisce anche la durata degli organi elettivi.

A norma dell’art. 126, co. 3 Cost., la Giunta deve dimettersi qualora sia stata approvata la mozione di sfiducia nei confronti del Presidente della Giunta, eletto a suffragio universale e diretto, nonché in caso di rimozione, impedimento permanente, morte o di dimissioni volontarie dello stesso.

Il medesimo effetto consegue alle dimissioni contestuali della maggioranza dei componenti il Consiglio regionale.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI