Che significa? | Termini giuridici

Gravidanza e puerperio

26 Ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 26 Ottobre 2015



Gravidanza e puerperio (d. lav.): Stato della lavoratrice cui è connessa una speciale disciplina protettiva finalizzata alla tutela della essenziale funzione familiare della donna e della maternità.

Vige, così, l’obbligo, a carico del datore di lavoro, di effettuare una valutazione dei rischi aziendali con particolare riguardo ai fattori di pericolo per la salute della lavoratrice e del nascituro (o neonato) e alle probabili o eventuali conseguenze dannose per entrambi.

In presenza di rischi significativi, inoltre, il datore di lavoro deve provvedere affinché sia evitata l’esposizione della lavoratrice ai rischi rilevati: ciò attraverso una modifica temporanea delle condizioni o dell’orario di lavoro ovvero mediante l’assegnazione della lavoratrice ad altre mansioni o, se del caso, la sospensione dell’obbligo lavorativo.

A tutela dell’integrità psico-fisica, vige il divieto di lavoro notturno per le lavoratrici in gravidanza, puerperio e allattamento.

Le prerogative per le lavoratrici in Gravidanza e puerperio sono state progressivamente estese, relativamente ai congedi relativi alla cura del figlio, anche al padre lavoratore, nell’ambito di un più generale principio di tutela della genitorialità [vedi].


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI