Dizionario | Termini giuridici

Invenzione industriale

6 Novembre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Invenzione industriale (d. lav.) (d. comm.): È un’attività creativa, suscettibile di una concreta utilizzazione, idonea ad essere applicata nel campo della tecnica industriale.

Perché si abbia Invenzione industriale sono richiesti due requisiti:

—  deve concretarsi in un incremento, anche minimo, delle conoscenze tecniche preesistenti: deve, cioè, rivestire il carattere dell’originalità (novità intrinseca) e quello della non divulgazione (novità estrinseca) in quanto non deve essere già nota;

—  deve essere idonea all’impiego pratico o industriale (industrialità).

Si distinguono Invenzione industriale:

—  principali (con alto grado di autonomia dalle invenzioni preesistenti);

—  derivate (collegate ad apporti precedenti);

—  di perfezionamento (che sviluppano metodi già noti);

—  di traslazione (che comportano l’applicazione di una invenzione precedente in un campo diverso da quello in cui è stata sperimentata);

—  di combinazione (che risultano dalla applicazione di più invenzioni preesistenti);

—  di prodotto (che si concretizza in un bene determinato);

—  di procedimento (che consiste in una nuova soluzione data ad un procedimento o metodo di produzione industriale già noto).

La disciplina delle invenzioni è contenuta nel Codice civile e nel Codice della proprietà industriale (artt. 45-81). Il D.Lgs. 131/2010, inoltre, ha introdotto nel citato Codice la sezione IVbis (artt. 81bis-81octies), nella quale sono state raggruppate le norme derivanti dalla citata legge in materia di protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche.

All’inventore fanno capo diritti morali e diritti patrimoniali alla utilizzazione economica, subordinati al rilascio del brevetto [vedi], i quali consistono nel potere esclusivo di attuare l’invenzione, nonché nel potere di disporne e trarne profitto.

Il diritto esclusivo di utilizzazione dell’Invenzione industriale si acquista, dunque, solo con il rilascio del brevetto [vedi].

Ipotesi particolari di Invenzione industriale sono quelle realizzate durante lo svolgimento del rapporto di lavoro dal lavoratore subordinato.

Al concetto di «invenzione industriale» la legge riconduce anche i modelli di utilità ed i modelli e i disegni industriali registrati (artt. 2592-2594 c.c.; artt. 82-86 e 31-44 del Codice della proprietà industriale).

Invenzione industriale non brevettata

Il diritto esclusivo di utilizzazione dell’Invenzione industriale si acquista con il rilascio del brevetto. Peraltro, chiunque abbia fatto uso dell’Invenzione industriale nei dodici mesi anteriori al deposito dell’altrui domanda di brevetto, può continuare a sfruttarla nei limiti in cui tale preuso è avvenuto.

Invenzione industriale del prestatore di lavoro 

Trattasi delle Invenzione industriale fatte durante lo svolgimento del rapporto di lavoro dal lavoratore subordinato.

L’art. 64 del D.Lgs. 30/2005 (Codice della proprietà industriale) distingue tre ipotesi:

—  se il rapporto di lavoro ha ad oggetto del contratto lo svolgimento di un’attività inventiva retribuita, tutti i diritti patrimoniali derivanti dall’Invenzione industriale sono acquistati dal datore di lavoro (invenzioni di servizio);

—  nel caso in cui l’Invenzione industriale si è realizzata in esecuzione del rapporto di lavoro, ma l’attività inventiva non è oggetto contrattuale del rapporto, i diritti patrimoniali vengono conferiti al datore di lavoro, tuttavia il lavoratore ha diritto ad un equo premio (invenzioni aziendali) anche qualora il datore di lavoro opti per l’utilizzo dell’invenzione in regime di segretezza aziendale (D.Lgs. 131/2010);

—  se l’Invenzione industriale, pur rientrando nel campo dell’attività dell’azienda, non ha alcun nesso oggettivo con le mansioni del dipendente, i diritti patrimoniali sono acquistati da quest’ultimo, riconoscendosi al datore di lavoro unicamente un diritto di opzione dietro corrispettivo monetario per l’acquisto del brevetto o lo sfruttamento dell’Invenzione industriale (invenzioni occasionali).

Il diritto di paternità dell’Invenzione industriale, comunque, spetta sempre al prestatore di lavoro.



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube