Che significa? | Termini giuridici

Jihaˉd

23 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 23 ottobre 2015



Jihaˉd (d. int.): I principi fondamentali elaborati dall’Isla¯m classico, in tema di diritto internazionale pubblico, ruotano intorno al termine di Jihaˉd, che significa propriamente «sforzo» e deriva dalla radice jhd (sforzarsi, applicarsi con zelo).

Tale significato etico-religioso è stato distorto fino ad essere ridotto al concetto di «guerra santa», o addirittura, in certi ambienti musulmani estremisti, in «guerra» condotta con qualsiasi mezzo (incluso il terrorismo) contro gli «infedeli».

Il Jihaˉd, nel senso genuino del termine, è considerato uno dei doveri imposti dalla Legge Sacra. Tali doveri indicano quattro modi con cui i fedeli musulmani possono adempierlo: con il cuore (combattere le tentazioni demoniache), con la lingua e con le mani (promuovere il bene e reprimere il male), infine con la spada (lotta contro gli oppressori e difesa dall’aggressione degli infedeli).

Mentre i primi tre tipi di Jihaˉd costituiscono dei doveri individuali, il quarto è generalmente ritenuto un dovere collettivo, un obbligo, cioè, che una componente della comunità può assolvere a nome e per conto della restante parte.

Spetta al capo della comunità dichiarare e condurre il Jihaˉd nel senso militare, che è dunque concepito come un dovere a difesa dello Stato.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI