Dizionario | Termini giuridici

Legitimatio

8 Novembre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Legitimatio

Legitimatio ad causam (d. p. civ.) 

Con questa espressione si indica generalmente la legittimazione ad agire, cioè la titolarità attiva (come attore) o passiva (come convenuto) di un’azione civile.

Il concetto di  Legitimatio è quindi legato alla titolarità del diritto sottoposto al giudizio e in ciò si distingue dalla legitimatio ad processum [vedi] che indica invece la capacità di stare in giudizio.

La  Legitimatio va valutata secondo la prospettazione dei fatti effettuata dalle parti: ad esempio, se Tizio lamenta un inadempimento contrattuale di Caio, legittimato attivo alla causa è Tizio, legittimato passivo è Caio. Ciò però non esclude che il giudice, alla fine della causa, accerti che in realtà tra le parti non è intercorso alcun rapporto contrattuale e quindi rigetti la domanda.

Legitimatio vad processum (d. p. civ.) 

Si sostanzia nella titolarità del potere al compimento di un atto: si tratta, quindi, di un presupposto processuale per poter esercitare in modo valido i propri diritti processuali. Non sempre la legittimazione ad agire e la Legitimatio coesistono in capo alla stessa persona (es.: i minori, il fallito etc.).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube