Che significa? Maxi-processo

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Maxi-processo (d. p. pen.): Processo nel quale è sottoposta a giudizio una grande associazione di stampo delinquenziale (mafia, camorra, associazioni terroristiche) per cui, in riferimento ai reati commessi da questa, è necessario procedere, contemporaneamente, nei confronti di un rilevante numero di imputati.

IL MAXI-PROCESSO DI PALERMO

Il maxi-processo di Palermo è il processo penale iniziato a Palermo il 10 febbraio 1986 e terminato il 16 dicembre 1987 nei confronti di numerosi esponenti della criminalità organizzata.

Le accuse contestate riguardavano le attività illecite compiute da Cosa Nostra ed erano basate sulle testimonianze di Tommaso Buscetta, mafioso catturato nel 1982 in Brasile, paese nel quale si era rifugiato due anni prima dopo essere sfuggito a una condanna per due omicidi. Dei 474 imputati, 360 vennero condannati. I 665 anni di carcere inflitti venne-ro divisi fra i colpevoli, non includedo gli ergastoli comminati ai diciannove boss di punta della mafia e ai killer, tra cui Michele Greco, Giuseppe Marchese, Salvatore Riina, Giuseppe Lucchese e Bernardo Provenzano. Alcuni di essi erano già morti al momento della lettura della sentenza. 114 imputati vennero assolti.

Il maxi-processo rappresenta la prima reazione importante dello Stato nei confronti di Cosa Nostra. Non mancò una forte ostilità di molti componenti della magistratura palermita-na, che spesso manifestarono dubbi e critiche nei confronti del maxiprocesso e dei suoi promotori


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI