Che significa? | Termini giuridici

Molestia


> Dizionario Pubblicato il 23 ottobre 2015



Molestia (d. civ.): Con tale termine si fa genericamente riferimento a qualunque comportamento che rechi turbativa a terzi, distinguendosi peraltro le molestie di fatto (quali ad esempio il passaggio sul fondo altrui, il taglio degli altrui alberi etc.) dalle Molestia di diritto, allorché si estrinsechino in atti di natura giuridica (es.: atto di intimazione con il quale si afferma di essere titolare di un diritto sulla cosa altrui).

Le Molestia vengono prese espressamente in considerazione dal codice civile che prevede specifici mezzi giudiziari per farle cessare, quali l’azione negatoria [vedi] a tutela del proprietario (art. 949 c.c.), l’azione di manutenzione [vedi] a tutela del possessore (art. 1170 c.c.) nonché la garanzia per Molestia riconosciuta al conduttore nei confronti del locatore dall’art. 1585 c.c. [vedi Locazione].

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI