Che significa? | Termini giuridici

Morte

23 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 23 ottobre 2015



Morte

Nozione giuridica di Morte (d. civ.): Una persona si presume morta, dal punto di vista giuridico, con la cessazione irreversibile di tutte le funzioni dell’encefalo per un intervallo di tempo tale da non consentire alcuna possibilità di sopravvivenza.

Se la nascita [vedi] produce come principale effetto giuridico l’acquisto della capacità giuridica [vedi] è ovvio che la Morte ne determinerà la perdita.

Dopo la Morte, quindi, non si può più parlare di persona o di soggetto di diritti, anche se, per certi aspetti, la legge ammette la persistenza di speciali forme di tutela del defunto o di particolari rapporti. Per esempio, i parenti di una persona deceduta che è stata ingiuriata o diffamata possono presentare querela; l’imprenditore commerciale può essere dichiarato fallito entro un anno dalla sua Morte.

Nel nostro ordinamento non è ammessa la cd. morte civile, cioè la situazione di chi, pur essendo vivente, è privato di tutti i diritti.

Pena di Morte (d. pen.): La pena di Morte, detta anche pena capitale, è stata dapprima abolita dal Codice Zanardelli, e poi ripristinata dal Codice vigente solo per i delitti più gravi.

La Costituzione l’ha abolita, prima circoscrivendone l’applicazione solo ai casi previsti dalle leggi militari di guerra, poi totalmente in seguito alla modifica dell’art. 27 Cost. operata dalla L. Cost. 2-10-2007, n.1. Il disposto dell’art. 27 è stato dettato in relazione al principio per il quale le pene [vedi] non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e non devono mirare all’afflizione del condannato, ma tendere alla sua rieducazione (cd. principio di umanizzazione della pena).

Nel dicembre 2007, su iniziativa dell’Italia, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato con larga maggioranza una moratoria contro la pena di morte, il primo passo verso l’abolizione totale della pena capitale ancora oggi praticata in molti Stati.

Morte presunta [domanda per la dichiarazione di] (d. p. civ.): Si ricorre all’istituto della Morte qualora non sia possibile effettuare gli accertamenti materiali necessari per constatare la morte di un individuo; ai sensi dell’art. 58 c.c., presupposto per la dichiarazione di Morte è che siano trascorsi dieci anni dal giorno in cui risale l’ultima notizia dell’assente.

Il procedimento avviene secondo il rito camerale [vedi Camera di Consiglio] e il provvedimento definitivo assume la forma di sentenza. Il Tribunale competente è quello dell’ultimo domicilio o residenza dell’assente.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI