Dizionario | Termini giuridici

Motivo

23 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Motivo (d. civ.): Scopo individuale che determina le parti a compiere il negozio; esso è normalmente irrilevante, tranne che in alcuni casi espressamente previsti dalla legge:

—  l’art. 1345 c.c. sancisce la illiceità [vedi Illegalità del negozio] del contratto e, quindi, la sua nullità [vedi] quando le parti si siano determinate a concluderlo esclusivamente per un Motivo illecito comune ad entrambe;

—  gli artt. 624, c. 2 e 787 c.c. sanciscono l’annullabilità [vedi Annullamento], rispettivamente del testamento [vedi] e della donazione [vedi], se essi siano effetto di errore sul Motivo, questo risulti dall’atto e sia stato il solo ad averlo determinato;

—  gli artt. 788 e 626 c.c. sanciscono rispettivamente la nullità della donazione e della disposizione testamentaria per illiceità del Motivo quando esso risulta dall’atto ed è l’unico ad aver determinato il donante o il testatore.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube