Che significa? | Termini giuridici

Mutatio libelli

23 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Mutatio libelli [cambiamento della domanda] (d. p. civ.): Con questa espressione si indica l’introduzione in giudizio di domande nuove rispetto a quelle proposte con l’atto di citazione. Perché si abbia domanda nuova è necessaria l’allegazione di nuovi fatti costitutivi, in maniera tale da allargare l’oggetto del processo.

L’art. 183 c.p.c. consente all’attore di proporre le domande e le eccezioni che sono conseguenza della domanda riconvenzionale [vedi Riconvenzionale (Domanda)] o delle eccezioni [vedi] proposte dal convenuto [vedi] nella comparsa di risposta [vedi].

Entrambe le parti, inoltre, possono precisare e modificare le domande, le eccezioni e le conclusioni già formulate, e possono chiedere al giudice i seguenti termini perentori:

—  un termine di trenta giorni per il deposito di memorie limitate alle sole precisazioni o modificazioni delle domande, delle eccezioni e delle conclusioni già proposte;

—  un termine di ulteriori trenta giorni per replicare alle domande ed eccezioni nuove, o modificate dall’altra parte, per proporre le eccezioni che sono conseguenza delle domande e delle eccezioni medesime e per l’indicazione dei mezzi di prova e produzioni documentali;

—  un termine di ulteriori venti giorni per le sole indicazioni di prova contraria.

All’esito delle suddette attività, il thema decidendum è fissato definitivamente.

Nel giudizio di appello è ammessa solo la proposizione delle domande nuove che costituiscano lo svolgimento logico di quelle proposte in primo grado: possono, cioè, domandarsi gli interessi, i frutti, gli accessori maturati dopo la sentenza impugnata, nonché il risarcimento dei danni sofferti dopo la sentenza.

La Mutatio libelli si distingue dalla emendatio libelli che consiste nella mera rettifica o precisazione della domanda giudiziale, anch’essa da effettuarsi nella prima udienza di trattazione. Tale facoltà è riconosciuta anche al convenuto il quale può, sempre nella prima udienza di trattazione, modificare la domanda riconvenzionale.



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA