Che significa? Nascituro

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Nascituro [capacità del] (d. civ.): Benché l’acquisto della capacità giuridica coincida, in generale, con la nascita (art. 1 c.c.), in applicazione di un antico principio romanistico [vedi Nasciturus pro iam nato habetur, si de eius commodo agitur] la legge (art. 1, co. 2, c.c.) consente l’attribuzione di diritti a soggetti non ancora venuti ad esistenza, subordinatamente all’evento della loro nascita.

Le ipotesi specificamente previste dal codice sono le seguenti:

—  nascituri già concepiti: sono capaci di succedere per causa di morte (art. 462 c.c.) e di ricevere per donazione [vedi] (art. 784 c.c.);

—  nascituri non concepiti: sono capaci di ricevere per testamento [vedi] e per donazione, purché siano figli di una determinata persona vivente al tempo della morte del testatore (art. 462, co. 3 c.c.), o al tempo della donazione (art. 784 c.c.).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI