Che significa? | Termini giuridici

Nome

19 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 19 ottobre 2015



Nome [diritto al] (d. civ.): Il Nome si compone del prenome, che è l’appellativo individuale, e del cognome che designa l’appartenenza alla famiglia.

La tutela del Nome è sancita a protezione non solo di un interesse individuale, ma anche dell’interesse generale all’identificazione delle persone, ed è attuata col riconoscimento di due tipi di azione:

—  l’azione di reclamo, con la quale si tutela il diritto della persona ad usare il proprio Nome contro gli atti dei terzi tendenti a contrastare tale uso;

—  l’azione contro l’usurpazione, diretta contro l’uso illegittimo che altri facciano del Nome, con pregiudizio, anche soltanto potenziale, per il vero titolare. Tale pregiudizio può essere sia di natura morale (es.: lesione al decoro e alla reputazione), sia di natura economica.

Entrambe le azioni hanno carattere inibitorio, in quanto sono dirette ad ottenere la cessazione del fatto lesivo, e non escludono l’azione generale per il risarcimento del danno [vedi].

È legittimato alle azioni anzidette non soltanto il titolare del Nome contestato o usurpato, ma anche chiunque altro abbia alla tutela del Nome un interesse fondato su ragioni familiari degne di protezione.

Anche lo pseudonimo o Nome d’arte gode della stessa tutela del diritto al Nome; occorre, tuttavia, che il soggetto sia noto soprattutto con lo pseudonimo.

Il diritto al Nome è tradizionalmente inteso come aspetto fondamentale del diritto all’identità personale.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI