Che significa? | Termini giuridici

Parentela

14 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 14 ottobre 2015



Parentela (d. civ.): È il vincolo tra le persone che discendono da uno stesso stipite, sia nel caso in cui la filiazione è avvenuta all’interno del matrimonio, sia nel caso in cui è avvenuta al di fuori di esso, sia nel caso in cui il figlio è adottivo (art. 74 sostituito ex L. 219/2012). Il rapporto di Parentela ricorre quando i soggetti discendono gli uni dagli altri (parenti in linea retta, es.: genitore-figlio) o derivano da un capostipite comune (parenti in linea collaterale, es.: rapporto tra fratelli).

Parentela collaterale

La Parentela collaterale è il vincolo che unisce più soggetti (fratelli, cugini) che non discendono l’uno dall’altro, ma egualmente discendono da un capostipite comune.

Parentela giuridica

È la Parentela che si crea per legge con l’adozione [vedi].

Grado di Parentela

Per il computo del grado di Parentela:

—  nella linea retta si conta un grado per ogni generazione escluso lo stipite;

—  in quella collaterale si risale da un parente allo stipite (che non si conta) e si ridiscende all’altro parente (es.: i figli di fratelli sono parenti di 3° grado).

Parentela in linea retta

È la Parentela che unisce coloro che discendono l’uno dall’altro (padre e figlio).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI