Che significa? | Termini giuridici

Peculio

14 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 14 ottobre 2015



Peculio (d. penit.): Istituto di derivazione romanistica che identifica il patrimonio autonomo del figlio o dello schiavo.

Attualmente per Peculio si intende la remunerazione del detenuto per il lavoro carcerario, insieme al denaro da lui posseduto all’atto dell’ingresso in Istituto ed a quello eventualmente ricevuto dall’esterno (dai familiari, amici o enti assistenziali) o a titolo di sussidio o di premio (art. 25 o.p.).

Per quanto riguarda gli interessi, questi sono prodotti da tutte le somme che entrano a far parte del Peculio, nella misura fissata dal codice civile per gli interessi legali.

Il Peculio dei condannati e degli internati si distingue in:

—  fondo vincolato: è costituito dalla quota di un quinto della remunerazione che il detenuto non può utilizzare se non in parte e per particolari motivi, previa autorizzazione del direttore dell’Istituto;

—  fondo disponibile: è costituito dalla quota eccedente il quinto della remunerazione e che il detenuto può utilizzare per le proprie necessità, con le modalità e nei limiti previsti dal regolamento.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI