Che significa? | Termini giuridici

Persona

14 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 14 ottobre 2015



Persona (d. civ.)

Persona fisica

È Persona per l’ordinamento giuridico qualsiasi essere umano nato vivo, anche se non vitale ossia inidoneo a restare in vita.

La Persona è centro di imputazione di situazioni giuridiche, cioè è soggetto di diritto [vedi].

Persona giuridica

Il nostro ordinamento attribuisce soggettività giuridica sia all’uomo inteso come Persona fisica, che a particolari organizzazioni collettive, considerate come soggetti distinti dalle Persona fisiche che le compongono e che si definiscono Persona giuridiche.

Per Persona giuridica si intende, quindi, quel complesso organizzato di individui e di beni, rivolto alla realizzazione di fini generali o individuali che la singola Persona fisica non è in grado di perseguire. La personalità giuridica si acquista automaticamente in presenza di determinate condizioni (società) ovvero in seguito a iscrizione nel registro delle Personagiuridiche [vedi Riconoscimento delle persone giuridiche].

Sono Persona:

—  le associazioni [vedi] riconosciute;

—  le fondazioni [vedi];

—  i comitati riconosciuti [vedi Comitati];

—  le società [vedi] di capitali e cooperative [vedi];

—  gli enti pubblici [vedi Ente pubblico].

Alla Persona fa specifico riferimento anche la legge di riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato, in coerenza con il processo di internazionalizzazione delle attività giuridico-economiche, assoggettandola alla legge del luogo in cui è stato perfezionato il procedimento di costituzione o alla legge italiana se la sede amministrativa o l’oggetto principale dell’attività dell’ente siano in Italia.

Si può operare la seguente classificazione:

—  Persona pubblica è quella che persegue interessi generali, propri dello Stato, e spesso gode di una posizione di supremazia nei confronti degli altri soggetti con cui viene in rapporto (i cd. enti pubblici). Le Persona pubbliche sono oggetto di studio del diritto amministrativo;

—  Persona privata è quella che persegue fini che, pur se comuni a molti soggetti, non sono propri dello Stato. Esse, quindi, sono, dal punto di vista giuridico, parificate ai soggetti privati, con i quali entrano in rapporto in condizione di parità.

Persona informata sui fatti (d. p. pen.): Trattasi di soggetto che può riferire circostanze utili ai fini delle indagini (art. 351 c.p.p.) per la ricostruzione del fatto o l’individuazione del colpevole (art. 348 c.p.p.).

Costui può essere sia testimone che imputato in processo connesso o collegato. In tale ultimo caso può essere sentito solo con l’assistenza di un difensore. Allo scopo di assicurare tale fonte di prova, la Persona può essere accompagnata in ufficio dalla polizia giudiziaria [vedi].

Se la Persona informata rende dichiarazioni per sé indizianti, queste sono inutilizzabili se il soggetto doveva ab origine essere sentito quale indiziato, dunque con l’assistenza del difensore (art. 63 c.p.p.).

Persona offesa (d. pen.): È il soggetto titolare dell’interesse penalmente protetto, leso dalla commissione del fatto-reato (comunemente definita vittima del reato).

Si differenzia dal danneggiato del reato, per tale intendendosi chi ha sofferto un danno patrimoniale o morale come conseguenza del reato [vedi Danno].

Spesso Persona e danneggiato coincidono nella stesso soggetto (es. nel furto); talvolta, però, sono soggetti differenti: es. nell’omicidio Persona è la vittima, danneggiati sono i parenti.

Oltre a poteri di sollecitazione nei confronti del P.M. [vedi Pubblico Ministero], la Persona può produrre opposizione alla richiesta di archiviazione (artt. 409-410 c.p.p.).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI