Che significa? Petitum

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Petitum [oggetto della domanda] (d. p. civ.): È l’oggetto della domanda giudiziale, ossia ciò che si domanda al giudice. Costituisce (con le parti e la causa petendi) uno degli elementi di identificazione delle azioni.

Bisogna, peraltro, distinguere il Petitum immediato da quello mediato.

Si parla di Petitum immediato per individuare il provvedimento che con la domanda si chiede al giudice (es.: la condanna, il sequestro etc.).

Si parla di Petitum mediato, invece, in riferimento all’oggetto al cui soddisfacimento è diretta la domanda ossia al bene della vita che si chiede nei confronti della controparte (una cosa, una prestazione etc.).

La legge (artt. 163 e 414 c.p.c.) dispone che l’atto introduttivo del giudizio deve contenere l’indicazione della cosa oggetto della domanda (ossia il Petitum mediato) e delle conclusioni di essa, vale a dire il provvedimento domandato (il Petitum immediato).

Inoltre, dal momento che la domanda viene individuata innanzitutto attraverso il Petitum mediato, il quale non può essere domandato separatamente dal Petitum immediato, ciò comporta, ai sensi dell’art. 164 c.p.c., la nullità della citazione [vedi Citazione] dalla quale non sia desumibile, neanche dal contesto dell’atto, il v mediato ed immediato e la causa petendi.

L’indicazione del Petitum, oltre che degli altri elementi dell’azione, segna i confini del potere decisorio del giudice, poiché questi non può pronunciare oltre i limiti della domanda (cd. principio della corrispondenza tra chiesto e pronunciato) [vedi Principi fondamentali dell’ordinamento processuale civile] (art. 112 c.p.c.).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI