Che significa? | Termini giuridici

Polizza

15 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 15 ottobre 2015



Polizza (d. ass.): È la scrittura privata [vedi], predisposta con clausole a stampa dall’assicuratore, con cui viene generalmente concluso il contratto di assicurazione [vedi Assicurazione (Contratto di)].

Ha natura di titolo di credito improprio: il suo trasferimento, nella forma dei titoli di credito [vedi] all’ordine o al portatore, produce i medesimi effetti della cessione del contratto di assicurazione.

Polizza di carico (d. nav.): Documento che attesta che le merci in esso descritte sono state ricevute ed imbarcate in un determinato porto ed in una certa data sulla nave ivi nominata, per essere trasportate fino ad un altro porto.

Assolve tra le parti la funzione di documento del contratto oltre che quella di titolo rappresentativo della merce viaggiante.

Può essere nominativa, all’ordine o al portatore e circola secondo le regole proprie dei titoli di credito; quale titolo di credito, la Polizza di carico assume un ruolo essenziale nella vendita marittima, consentendo di attribuire al suo legittimo portatore il possesso — mediato — delle cose in essa descritte ed il diritto di disposizione delle stesse.

Quindi, trasferendo la Polizza si trasferisce anche il possesso — mediato — delle merci in essa descritte. Inoltre, la Polizza attribuisce al legittimo portatore il diritto di ottenere la riconsegna a destino delle stesse merci ed il diritto di agire contro il vettore per il risarcimento del danno, nel caso in cui egli non adempia o adempia inesattamente all’obbligo di riconsegnarle nello stato in cui esse sono descritte nel titolo.

Polizza di credito commerciale (d. comm.): È una forma di finanziamento mediante la quale un’azienda, che intenda coprire fabbisogni finanziari di breve periodo, rilascia a una società finanziaria un riconoscimento di debito [vedi Ricognizione di debito] (art. 1988 c.c.), con il quale dichiara di aver ricevuto una determinata somma per un certo periodo di tempo, con l’impegno di rimborsarla ad una scadenza prestabilita. Nel contempo l’azienda debitrice richiede ad una banca il rilascio di una fideiussione [vedi] in favore della finanziaria e di ogni futuro cessionario del credito.

Polizza fideiussoria (d. ass.): Peculiare forma di fideiussione [vedi], detta anche assicurazione fideiussoria, che si caratterizza per il fatto di essere prestata da un’impresa di assicurazione, con la conseguenza che il rapporto intercorrente tra fideiussore e debitore principale non è un contratto bancario, ma un contratto di assicurazione [vedi Assicurazione (Contratto di)], di cui si seguono le norme relative; più precisamente l’assicuratore-fideiussore assume il rischio dell’insolvenza del debitore assicurato verso il pagamento di un premio, calcolato secondo le tipiche regole assicurative (artt. 1936 ss. c.c.).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI