Che significa? | Termini giuridici

Preclusione

15 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 15 ottobre 2015



Preclusione (d. p. civ.): Per Preclusione s’intende la perdita, l’estinzione o la consumazione di una facoltà processuale, col conseguente impedimento al compimento di un atto processuale.

Può essere causata dall’incompatibilità con un’attività già svolta, o dal mancato esercizio della facoltà nel momento opportuno nella successione delle attività processuali, o infine, dal fatto di avere già una volta esercitato il diritto.

Quando la perdita della facoltà processuale discende dalla decorrenza del termine perentorio in cui la stessa andava esercitata si parla più propriamente di decadenza [vedi].

Funzione della Preclusione è di consentire che il processo si svolga in modo ordinato e rapido. Ciò spiega la scelta del legislatore, che ha introdotto un rigido sistema di Preclusione allo scopo di favorire la conclusione del processo in tempi più brevi di quanto non accadesse in precedenza.

Così, ad esempio, l’art. 167 c.p.c. dispone che nella comparsa di risposta il convenuto deve proporre, a pena di decadenza, le eventuali domande riconvenzionali [vedi Riconvenzionale (Domanda)] e le eccezioni processuali e di merito che non siano rilevabili d’ufficio.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI