Dizionario | Termini giuridici

Preclusione

15 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Preclusione (d. p. civ.): Per Preclusione s’intende la perdita, l’estinzione o la consumazione di una facoltà processuale, col conseguente impedimento al compimento di un atto processuale.

Può essere causata dall’incompatibilità con un’attività già svolta, o dal mancato esercizio della facoltà nel momento opportuno nella successione delle attività processuali, o infine, dal fatto di avere già una volta esercitato il diritto.

Quando la perdita della facoltà processuale discende dalla decorrenza del termine perentorio in cui la stessa andava esercitata si parla più propriamente di decadenza [vedi].

Funzione della Preclusione è di consentire che il processo si svolga in modo ordinato e rapido. Ciò spiega la scelta del legislatore, che ha introdotto un rigido sistema di Preclusione allo scopo di favorire la conclusione del processo in tempi più brevi di quanto non accadesse in precedenza.

Così, ad esempio, l’art. 167 c.p.c. dispone che nella comparsa di risposta il convenuto deve proporre, a pena di decadenza, le eventuali domande riconvenzionali [vedi Riconvenzionale (Domanda)] e le eccezioni processuali e di merito che non siano rilevabili d’ufficio.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube