Che significa? | Termini giuridici

Putativo

19 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 19 ottobre 2015



Putativo [reato] (d. pen.): A norma dell’art. 49 c.p. non è punibile chi commette un fatto non costituente reato, nella supposizione erronea che esso costituisca reato. Il fatto erroneamente supposto come reato si definisce reato Putativo.

La convinzione che un fatto (lecito) costituisca reato può dipendere da un errore di diritto o da un errore di fatto.

Il reato Putativo per errore di diritto è quello di chi crede erroneamente che il fatto da lui commesso è punito da una norma penale.

Si ha invece reato Putativo per errore di fatto in una delle seguenti ipotesi:

—  il soggetto crede di commettere un reato, mentre in realtà manca uno degli elementi essenziali richiesti per la sua sussistenza (è il caso di chi asporta una cosa propria credendola altrui);

—  il soggetto crede di commettere un reato, mentre agisce in presenza di una causa di giustificazione (è il caso di chi crede di rubare mentre in realtà sussiste il consenso dell’avente diritto);

—  il soggetto crede erroneamente di avere uno dei requisiti richiesti per commettere un reato proprio (è il caso di chi, ritenendosi imprenditore, crede di commettere bancarotta).

Il co. 3 dell’art. 49 c.p., tuttavia, fa salvo il caso in cui concorrano nel fatto gli elementi costitutivi di un reato diverso; allora il soggetto risponderà di questo diverso reato.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI