Che significa? | Termini giuridici

Rapina

15 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 15 ottobre 2015



Rapina (d. pen.)

L’art. 628 c.p. prevede, sotto il generico titolo di Rapina , due diverse ipotesi criminose, il cui elemento comune è dato dall’impossessamento di cose mobili altrui e dall’uso di violenza o minaccia alla persona.

Le due figure criminose sono comunemente indicate come Rapina  propria e impropria:

—  commette il reato di Rapina  propria chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, mediante violenza alla persona o minaccia, si impossessa della cosa mobile altrui sottraendola a chi la detiene;

—  commette il reato di Rapina  impropria chiunque adopera violenza o minaccia immediatamente dopo la sottrazione, per assicurare a sé o ad altri il possesso della cosa sottratta o per procurare a sé o ad altri l’impunità.

Il reato appartiene alla categoria dei delitti contro il patrimonio.

Nessun dubbio sulla configurabilità del tentativo [vedi] per entrambe le fattispecie.

Pena: Reclusione da 3 a 10 anni e multa da euro 516 a euro 2.065.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI