Che significa? Rescissione

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Rescissione (d. civ.): Scioglimento del vincolo contrattuale conseguente ad un vizio genetico del sinallagma [vedi]. Il rimedio è azionabile solo nelle ipotesi di contratti a prestazioni corrispettive. Non è ammissibile per i contratti aleatori.

 

Il codice ha disciplinato due figure di  Rescissione: 

 

—  del contratto concluso in stato di pericolo. Chi assume contrattualmente obbligazioni a condizioni inique, per la necessità, nota alla controparte, di salvare sé o altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, può ottenere la   Rescissione del contratto (art. 1447 c.c.).

Il giudice, comunque, nel pronunciare la Rescissione , può, secondo le circostanze, assegnare un equo compenso all’altra parte per l’opera prestata (art. 1447, co. 1 c.c.);

 

—  per lesione. L’ipotesi ricorre quando vi è sproporzione tra la prestazione di una parte e quella dell’altra e la sproporzione è dipesa dallo stato di bisogno di una parte, del quale l’altra ha approfittato per trarne vantaggio. In tale ipotesi la parte danneggiata può domandare la Rescissione  del contratto (art. 1448 c.c.).

 

L’azione di Rescissione si prescrive in un anno dalla conclusione del contratto, a meno che il fatto sia considerato reato (es.: usura) e sia stabilita per la fattispecie penale una prescrizione più lunga: in questo caso, infatti, si applica all’azione civile il termine prescrizionale previsto per il reato.

 

LA RESCISSIONE DEL CONTRATTO

Rescissione del contratto concluso in stato di pericolo          Presupposti dell’azione sono:

 

–  lo stato di pericolo in cui si trova uno dei contraenti o un’altra persona (es.: un parente); deve trattarsi del pericolo attuale di un danno grave alla persona;

 

–   l’iniquità delle condizioni a cui il contraente in pericolo ha dovu-to soggiacere per salvarsi dallo stato di pericolo;

 

– la conoscenza dello stato di pericolo da parte di colui che ne ha tratto vantaggio.

 

Azione generale direscissione per lesione

Presupposti dell’azione sono:

 

– la lesione ultra dimidium: ricorre quando la prestazione che la parte danneggiata si impegna ad eseguire supera il doppio del valore della controprestazione. In materia di divisione ereditaria è ammessa la rescissione per lesione ultra quartum;

 

– lo stato di bisogno della parte danneggiata, che va inteso non solo e necessariamente come vera e propria indigenza, ma an-che come difficoltà non economica comportante un danno anche di carattere patrimoniale;

 

– l’approfittamento dello stato di bisogno, ossia la consapevolezza di tale stato e il proposito di trarne una utilità economica.

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI