Che significa? Riabilitazione

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Riabilitazione

Riabilitazione del condannato (d. pen.)

Istituto che ha la finalità di restituire al condannato quelle facoltà giuridiche che la sentenza gli ha sottratto, mediante la irrogazione di pene accessorie [vedi Pena].

La Riabilitazione estingue le pene accessorie e ogni altro effetto penale della condanna, salvo che la legge disponga altrimenti.

La Riabilitazione  può essere concessa solo se:

—  siano decorsi almeno tre anni dal giorno in cui la pena principale è stata eseguita o si è estinta; il termine è invece di otto anni se si tratta di recidivo [vedi Recidiva] e di dieci anni se si tratta di delinquente abituale [vedi Abitualità criminosa], professionale [vedi Professionalità nel reato] o per tendenza [vedi Tendenza a delinquere];

—  il condannato ha dato prova di buona condotta;

—  il condannato non sia sottoposto a misura di sicurezza diversa dall’espulsione dello straniero dallo Stato o dalla confisca;

—  il condannato ha adempiuto alle obbligazioni civili derivanti dal reato;

La concessione del beneficio è rimessa al Tribunale di sorveglianza [vedi Magistratura di sorveglianza] (art. 683 c.p.p.) tuttavia, verificatesi le condizioni previste, essa costituisce un diritto del condannato e l’autorità giudiziaria ha l’obbligo di concederla.

La sentenza che dichiara la  Riabilitazione è revocata di diritto quando la persona riabilitata commette entro 7 anni un delitto non colposo per il quale sia inflitta la pena della reclusione per un tempo non inferiore a due anni o un’altra pena più grave.

La revoca è disposta dal giudice che infligge le successive condanne o, in mancanza, dal Tribunale di sorveglianza.

Riabilitazione dell’indegno a succedere (d. civ.)

È la dichiarazione, contenuta in un atto pubblico [vedi] o in un testamento [vedi], mediante la quale il testatore rimuove una situazione di indegnità a succedere [vedi], ammettendo alla successione l’indegno.

Si parla, invece, anche se atecnicamente, di Riabilitazione  tacita (o parziale) allorché il testatore non provveda ad eliminare la situazione di indegnità a succedere, ma si limiti soltanto a disporre a favore dell’indegno; in questo caso, se il testatore era a conoscenza della causa d’indegnità, il soggetto beneficiato è legittimato a succedere, ma soltanto nei limiti della disposizione testamentaria.

Si noti che la Riabilitazione espressa contenuta in un testamento non perde efficacia nell’ipotesi di revoca del testamento in cui è contenuta.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI