Che significa? Riassunzione del processo civile

Che significa?

Articolo di




> Che significa?

Riassunzione del processo civile (d. p. civ.): Atto processuale di parte, avente in genere la forma della comparsa [vedi] (art. 125 disp. att. c.p.c.) ma che può assumere anche la veste di ricorso [vedi] o di citazione [vedi], necessario per determinare la ripresa dello svolgimento ordinario del processo, laddove siffatto svolgimento sia stato impedito dal prodursi di determinati accadimenti.

Più in particolare, la Riassunzione del processo civile  è necessaria quando il processo risulti interrotto [vedi Interruzione del processo] e manchi l’iniziativa della parte nei cui confronti s’è prodotto l’evento interruttivo ed è fatta allo scopo di favorire la prosecuzione del processo. In tal caso, l’altra parte, nel termine perentorio di tre mesi dal giorno in cui la parte ha avuto conoscenza dell’interruzione, dovrà chiedere, con ricorso al giudice, la fissazione dell’udienza.

In secondo luogo, la  Riassunzione del processo civile è necessaria ogni volta che si determini la cancellazione della causa dal ruolo, dovendosi in tal caso provvedere nel termine perentorio di tre mesi dalla cancellazione.

La Riassunzione del processo civile  è ancora necessaria per consentire la ripresa del processo sospeso [vedi Sospensione del processo] a seguito della proposizione del regolamento di giurisdizione [vedi], del regolamento di competenza [vedi] o della ricusazione [vedi].

Ogni qualvolta la Riassunzione del processo civile  è necessaria e non vi si provveda nel termine fissato dalla legge o dal giudice il processo si estingue.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI