Dizionario | Termini giuridici

Ritenzione

19 Ottobre 2015 | Autore:
dizionario giuridico

Ritenzione [diritto di] (d. civ.): In alcuni casi la legge concede al creditore di trattenere una cosa che egli avrebbe l’obbligo di restituire al proprietario, al fine di indurre quest’ultimo ad adempiere il suo debito.

Trattasi di un mezzo di pressione sulla volontà del debitore, cui non si accompagnano garanzie reali o privilegi.

Il diritto di Ritenzione  è ammesso nei soli casi previsti dalla legge, fra cui quello del possessore di buona fede, nei confronti del proprietario del bene da restituire, per spese e miglioramenti attinenti allo stesso bene (art. 1152 c.c.) [vedi Possesso]; del coerede che conferisce un immobile in natura, fino al rimborso delle spese e dei miglioramenti (art. 748 c.c.) [vedi Collazione]; del compratore che ha visto risolto il suo acquisto per effetto del riscatto esercitato dalla controparte (art. 1502 c.c.) [vedi Compravendita]; dell’usufruttuario, per il rimborso delle spese da lui sostenute, che sarebbero state di spettanza del proprietario (artt. 1006, 1011 c.c.) [vedi Usufrutto].



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube