Che significa? | Termini giuridici

Ritenzione

19 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 19 ottobre 2015



Ritenzione [diritto di] (d. civ.): In alcuni casi la legge concede al creditore di trattenere una cosa che egli avrebbe l’obbligo di restituire al proprietario, al fine di indurre quest’ultimo ad adempiere il suo debito.

Trattasi di un mezzo di pressione sulla volontà del debitore, cui non si accompagnano garanzie reali o privilegi.

Il diritto di Ritenzione  è ammesso nei soli casi previsti dalla legge, fra cui quello del possessore di buona fede, nei confronti del proprietario del bene da restituire, per spese e miglioramenti attinenti allo stesso bene (art. 1152 c.c.) [vedi Possesso]; del coerede che conferisce un immobile in natura, fino al rimborso delle spese e dei miglioramenti (art. 748 c.c.) [vedi Collazione]; del compratore che ha visto risolto il suo acquisto per effetto del riscatto esercitato dalla controparte (art. 1502 c.c.) [vedi Compravendita]; dell’usufruttuario, per il rimborso delle spese da lui sostenute, che sarebbero state di spettanza del proprietario (artt. 1006, 1011 c.c.) [vedi Usufrutto].

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI