Che significa? | Termini giuridici

Ritrattazione

19 Ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 19 Ottobre 2015



Ritrattazione (d. pen.): Causa speciale di non punibilità prevista dalla legge per i delitti di falsa testimonianza [vedi], falsa perizia o interpretazione e false informazioni al P.M. [vedi Pubblico ministero], false dichiarazioni al difensore e favoreggiamento personale.

L’autore di tali reati non è punibile se, nel procedimento penale in cui ha prestato il suo ufficio o reso le sue dichiarazioni, ritratta il falso e manifesta il vero non oltre la chiusura del dibattimento.

Se il reato è stato commesso nel corso di un procedimento civile, la Ritrattazione  è ammessa fino a che non venga pronunciata sentenza definitiva anche se non irrevocabile.

La Corte costituzionale, con sentenza n. 101/1999 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 376 c.p. nella parte in cui non prevede la  Ritrattazione come causa di non punibilità per chi, richiesto dalla polizia giudiziaria [vedi], delegata dal P.M., di fornire informazioni ai fini delle indagini, abbia reso dichiarazioni false ovvero in tutto o in parte reticenti. Con tale sentenza la Suprema Corte ha esteso l’applicabilità della Ritrattazione  quale causa di non punibilità all’ipotesi di false informazioni alla polizia giudiziaria, configurata in giurisprudenza come fattispecie di favoreggiamento personale.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI