Che significa? | Termini giuridici

Riunione

17 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 17 ottobre 2015



Riunione

Riunione dei processi civili (d. p. civ.)

Si realizza allorché più procedimenti riguardanti la stessa causa pendano davanti allo stesso giudice o allo stesso ufficio giudiziario, anche se in quest’ultimo caso dinanzi a giudici diversi o a sezioni diverse.

Nella prima ipotesi, la Riunione  è disposta, anche d’ufficio, con ordinanza del giudice procedente. Nella seconda, invece, il presidente del Tribunale, informato dal giudice istruttore o dal presidente della sezione che ha rilevato la sussistenza di due procedimenti relativi alla stessa causa, ordina con decreto la Riunione, individuando la sezione o il giudice dinanzi a cui il processo deve proseguire.

La stessa procedura si segue allorché debba disporsi la Riunione relativi a cause connesse [vedi Connessione], salvo che esse pendano davanti a giudici o sezioni diverse dello stesso tribunale, nel cui caso il presidente del tribunale, sentite le parti, non è legittimato a disporre la Riunione, ma soltanto a ordinare con decreto la chiamata delle cause alla stessa udienza davanti al medesimo giudice o alla medesima sezione per i provvedimenti opportuni.

Nel fenomeno della Riunione si fanno rientrare anche le figure della litispendenza [vedi], della continenza [vedi] e della connessione [vedi], anche se in questi casi sussistono più procedimenti dinanzi a giudici (nel senso di uffici giudiziari) diversi.

Riunione dei processi penali (d. p. pen.)

Ai sensi dell’art. 17 c.p.p., la Riunione  di processi pendenti nello stesso stato e grado davanti al medesimo giudice può essere disposta quando non determini un ritardo nella loro decisione:

—  nei casi di connessione [vedi Competenza per connessione];

—  nei casi di reati commessi da più persone in danno reciproco le une dalle altre;

—  nei casi di reati commessi in occasione di altri; per conseguire il profitto o l’impunità di altro reato; in danno reciproco; quando vi è un vincolo probatorio (art. 371, lett. b).

La Riunione  è disposta dal giudice con ordinanza, anche d’ufficio, sentite le parti (art. 19 c.p.p.).

Riunione delle Camere (d. cost.)

Le Camere [vedi Parlamento], in via ordinaria, si riuniscono di diritto il primo giorno non festivo del mese di febbraio e il primo giorno non festivo di ottobre.

In via straordinaria ciascuna Camera può essere convocata per iniziativa del Presidente della Repubblica [vedi], oppure del suo Presidente o di un terzo dei suoi membri.

È da rilevare che la prima riunione delle Camere dopo la loro elezione deve avvenire entro 20 giorni.

Libertà di  Riunione (d. cost.)

La libertà di Riunione  , garantita ai soli cittadini dall’art. 17 Cost., consiste nella facoltà di darsi convegno, temporaneamente e volontariamente, in un luogo determinato ed in seguito a preventivo accordo, indipendentemente dalle ragioni per cui ci si riunisce (politiche, ricreative, religiose).

Tale libertà costituisce lo strumento attraverso cui le formazioni sociali [vedi] perseguono liberamente i propri fini.

La libertà di  Riunione  è sottoposta a determinati limiti, in quanto le riunioni devono svolgersi in forma pacifica e senza armi; inoltre per quelle pubbliche è richiesto un preavviso alle autorità di polizia, mentre per quelle private o in luoghi aperti al pubblico il preavviso non è necessario [vedi Luogo pubblico, aperto al pubblico, esposto al pubblico].

A tal proposito la Corte costituzionale ha ritenuto che il preavviso non è condizione di legittimità della riunione, ma un onere giuridicamente sanzionabile a carico dei soli promotori: pertanto non è sufficiente la mancanza di preavviso per procedere allo scioglimento della riunione in assenza di comprovati motivi di sicurezza.

La libertà di Riunione  differisce dalla libertà di associazione, essendo la (—) un fenomeno associativo temporaneo [vedi Riunione pubblica].

Riunione pubblica (d. pub.)

Si ha  Riunione quando più persone si riuniscono in luogo pubblico previo accordo dettato da un comune intendimento [vedi Riunione libertà di]. L’art. 18 T.U.L.P.S. stabilisce:

—  l’obbligo di preavviso a carico del promotore della riunione.

Si definisce promotore di una riunione non soltanto colui che progetta organizza o promuove la manifestazione, ma anche chi collabora materialmente alla buona riuscita della stessa, dando impulso e favorendo lo svolgimento della stessa, pur senza essere in possesso di poteri decisionali e pur non trovandosi in una posizione di priorità;

—  l’avviso deve essere dato al Questore almeno 3 giorni prima della riunione per salvaguardare la sicurezza e l’incolumità pubblica;

—  l’avviso deve contenere l’indicazione del giorno, ora, luogo ed oggetto della riunione, le generalità di coloro che sono designati a prendere la parola nonché le generalità e la firma dei promotori.

I contravventori sono puniti con l’arresto fino a sei mesi e con l’ammenda da @ 103 a @ 413;

—  il Questore, nel caso di omesso avviso ovvero per ragioni di ordine pubblico, di moralità o di sanità pubblica, può impedire che la riunione abbia luogo e può, per le stesse ragioni, prescrivere modalità di tempo e di luogo alla riunione;

—  i contravventori al divieto o alle prescrizioni dell’autorità sono puniti con l’arresto fino a un anno e con l’ammenda da @ 206 a @ 413;

—  non è punibile chi, prima dell’ingiunzione dell’autorità o per obbedire ad essa, si ritira dalla riunione;

—  l’autorità di pubblica sicurezza assiste alle riunioni per mezzo dei suoi funzionari ed agenti.

Non sono Riunioni :

—  l’assembramento, ossia il frutto di un incontro casuale ed occasionale in luogo pubblico, senza alcuna previa intesa;

—  la riunione elettorale, cioè quella riunione che collegandosi direttamente ad una futura consultazione elettorale precede lo svolgimento di una votazione.

Può invece essere equiparata alle  Riunione il corteo, non rilevando che le persone riunite stazionino o si spostino lungo un determinato percorso.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI