Che significa? | Termini giuridici

Schengen

14 ottobre 2015 | Autore:


> Dizionario Pubblicato il 14 ottobre 2015



Schengen [ACCORDO E CONVENZIONE] (d. UE): Espressione con cui si fa riferimento all’Accordo siglato il 14 giugno 1985 e alla successiva Convenzione di applicazione del 19 giugno 1990, concernente le formalità doganali per i cittadini in transito sul territorio dell’Unione.

I principi fondamentali sanciti dalla Convenzione di Schengen  sono:

— la libertà, da parte dei cittadini degli Stati aderenti, di attraversare i confini di uno Stato membro senza dover sottostare ad alcun controllo (se non giustificato da motivi di ordine pubblico e sicurezza nazionale);

— l’instaurazione di una collaborazione tra le forze di polizia degli Stati aderenti, che preveda anche la possibilità di inseguire un ricercato entro i confini di un altro Stato;

— uno stretto coordinamento tra gli Stati per combattere fenomeni mafiosi, spaccio di droga, immigrazione clandestina e traffico di armi;

— la creazione di un sistema di collegamento telematico per assicurare la rapida diffusione tra le forze di polizia degli Stati aderenti di informazioni riguardanti persone od oggetti sospetti.
In occasione della firma del Trattato di Amsterdam, con un apposito protocollo si è deciso di incorporare gli accordi di (—) nel quadro giuridico e istituzionale dell’Unione; in seguito alla riforma di Lisbona, esso costituisce il «Protocollo n. 19» sull’acquis di Schengen.

Di fatto ciò comporta che:

— il Comitato esecutivo istituito dai citati accordi è sostituito nella sua attività dal Consiglio;

— è estesa la competenza della Corte di giustizia dell’Unione europea anche a tutte le decisioni adottate in attuazione degli accordi, con esclusione di quelle attinenti al mantenimento dell’ordine pubblico e alla salvaguardia della sicurezza interna;

— gli Stati che in futuro decideranno di aderire all’Unione dovranno accettare integralmente le disposizioni contenute nell’accordo e nella convenzione di applicazione, nonché le decisioni di attuazione emanate dal Consiglio.

Nel protocollo relativo all’introduzione dell’acquis di Schengen è esplicitamente affermato che tale accordo si applica soltanto agli Stati firmatari e a quelli associati, escludendo il Regno Unito e l’Irlanda; questi due Stati potranno comunque aderire in un momento futuro.

[accordo e convenzione] (d. UE)

Espressione con cui si fa riferimento all’Accordo siglato il 14 giugno 1985 e alla successiva Convenzione di applicazione del 19 giugno 1990, concernente le formalità doganali per i cittadini in transito sul territorio dell’Unione.

I principi fondamentali sanciti dalla Convenzione di Schengen  sono:

—  la libertà, da parte dei cittadini degli Stati aderenti, di attraversare i confini di uno Stato membro senza dover sottostare ad alcun controllo (se non giustificato da motivi di ordine pubblico e sicurezza nazionale);

—  l’instaurazione di una collaborazione tra le forze di polizia degli Stati aderenti, che preveda anche la possibilità di inseguire un ricercato entro i confini di un altro Stato;

—  uno stretto coordinamento tra gli Stati per combattere fenomeni mafiosi, spaccio di droga, immigrazione clandestina e traffico di armi;

—  la creazione di un sistema di collegamento telematico per assicurare la rapida diffusione tra le forze di polizia degli Stati aderenti di informazioni riguardanti persone od oggetti sospetti.

In occasione della firma del Trattato di Amsterdam, con un apposito protocollo si è deciso di incorporare gli accordi di (—) nel quadro giuridico e istituzionale dell’Unione; in seguito alla riforma di Lisbona, esso costituisce il «Protocollo n. 19» sull’acquis di Schengen.

Di fatto ciò comporta che:

—  il Comitato esecutivo istituito dai citati accordi è sostituito nella sua attività dal Consiglio;

—  è estesa la competenza della Corte di giustizia dell’Unione europea anche a tutte le decisioni adottate in attuazione degli accordi, con esclusione di quelle attinenti al mantenimento dell’ordine pubblico e alla salvaguardia della sicurezza interna;

—  gli Stati che in futuro decideranno di aderire all’Unione dovranno accettare integralmente le disposizioni contenute nell’accordo e nella convenzione di applicazione, nonché le decisioni di attuazione emanate dal Consiglio.

Nel protocollo relativo all’introduzione dell’acquis di Schengen è esplicitamente affermato che tale accordo si applica soltanto agli Stati firmatari e a quelli associati, escludendo il Regno Unito e l’Irlanda; questi due Stati potranno comunque aderire in un momento futuro.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI